you reporter

Eventi

Settimana di musica live con i giganti del rock

Al Borrachito il sound degli Articolo 31 mentre al Caruso ci sono le cover degli anni ‘60 e ‘70

La musica live è la grande protagonista del weekend dell’Agorà di San Martino di Venezze. Due gruppi che si esibiscono al locale di Irina per la prima volta grazie ad una programmazione che, dopo dieci anni, continua a sorprendere e divertire. Questa sera si comincia con i Like a Train, formazione specializzata in Southern e American Rock, successi di band ed artisti come Lynyrd Skynyrd, Tom Petty, Black Crows, Creedence Clearwater Revival, Allman Brothers, John Mellencamp, Eagles e Bruce Springsteen. Sabato arrivano invece i rodigini Soundswarm, buona musica pop-rock internazionale, reinterpretata in chiave acustica.

La musica dello “Zio”, di nuovo in televisione con The Voice, e del suo socio e protetto Fedez arriva questa sera al Borrachito di Rovigo, assolutamente Senza Filtro. E si chiama proprio così il tributo bergamasco che ha spalleggiato lo stesso J-Ax per due tour e che adesso porta nei locali il sound degli Articolo 31, del suo front-man e dell’illustre collega Fedez. Sabato si chiude in bellezza il weekend con l’ultima festa della stagione, al Borrachito, firmata Mirame Mucho dedicata agli amanti del reggaeton.

Il weekend del Caruso di Papozze comincia stasera con gli anni ’60/70 degli Storkis, band che interpreta cover di Jimi Hendrix, Beatles, Rolling Stones. Sabato si prosegue con i White Queen formazione tributo alla nota band inglese, nata nel 2003, è indubbiamente unica per l’estrema cura dei particolari che portano alla realizzazione di uno spettacolo suggestivo e sorprendente. Un mix di musica, teatro, trasformismo e cabaret alimentato dalla somiglianza di ogni elemento al corrispettivo componente della band. Originari della Manduria terra del Primitivo, vino tipico pugliese, i White sono capitanati dal trentenne Piero Venery, da anni consacrato al ricordo di Mercury, l’ultimo immortale del rock. “Credo di essere stato prescelto - sottolinea lo stesso Piero - la mia è una vera missione: tramandare il mito di Freddie Mercury alle nuove generazioni”.

Caratteristica unica della band è ricreare sul palco veri e propri videoclip tra cui la hit I want to break free, con l’esilarante travestimento femminile collettivo e Living on my own nel quale irrompe l’animazione di un’eclettica drag queen.

Rock protagonista anche al weekend del Baruffa Cafè di Rovigo. Questa sera si comincia con il rock tutto italiano dei Litfiba fedelmente interpretati dai 17 Re. Band di Ferrara, i 17 Re nascono nel 2002 dall'idea di Mauro Pavani e Diego Pavanello. Dopo qualche cambio di musicisti e centinaia di concerti, nel 2005 entrano stabilmente nel gruppo Geppo Beltrami alla batteria e Marco Felix alla chitarra. Nello stesso anno il gruppo, per alcuni concerti, propone la collaborazione come special guest di Cris Maramotti, a quel tempo chitarrista di Piero Pelù. Lo spettacolo si allontana quindi dal semplice concetto di tributo avvalendosi dell’originale personalità musicale dei 17Re. Nel 2012 entra stabilmente nella band il tastierista Silvio Palladio. Sabato chiudono il weekend i Pizza Connection, coinvolgente band polesana che propone hit ska, rock, reggae, funky e pop.

Un altro sabato live per il New Italian Burger di Borsea che domani sera attende il ritorno dei 60 Lire, una cover-band atipica: attingendo dal repertorio italiano anni ‘60 si divertono a re-inventare i brani con sonorità rock, funk, swing, ska, reggae, per offrire uno show che mette d’accordo nostalgici e profani, coinvolgendo grandi e piccini in canti e balli scatenati. La band nasce ufficialmente nel 2010 a Ferrara ma il progetto affonda le sue radici nel lontano 2007 da un’idea di Mike, Cama e Dino. Desiderosi di sperimentare un repertorio ballabile e cantabile per coinvolgere un pubblico eterogeneo come quello dei lidi Ferraresi, decidono di fondare una band alternativa alle cover band rock di cui fanno già parte. La loro scelta cade sugli anni ‘60 Italiani, in quanto le canzoni sono conosciute da tutti, i twist e gli hully gully sono balli divertenti e coinvolgenti e le canzoni si prestano bene allo stile rock che contraddistingue i tre musicisti. Gli ultimi otto anni sono stati d'alto livello, con numerosissime date e grandi soddisfazioni professionali. Prima del concerto si può cenare con le ottime specialità del locale tra cui la pizza, novità di quest'anno.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl