you reporter

primo piatto

Al Ponte di Lusia spaghettone con insalata Igp e aglio Dop

Piatto del Giubileo

piatto giubileo1.JPG

Lo chef Enrico Rizzato della trattoria Al Ponte di Lusia col "Piatto del Giubileo"

Nell’ anno del Giubileo della Misericordia che segue l’enciclica di Papa Francesco “Laudato Si”, improntata sul rispetto della terra e dei suoi frutti e dopo l’evento Expo 2015 di Milano, che ha sensibilizzato contro gli sprechi alimentari, diventa stimolante per nove ristoratori di Rovigo, Padova e Venezia proporre in menù piatti semplici, poveri che, pur mantenendo gusti e sapori, sappiano interpretare il messaggio francescano legato alla sobrietà anche in ciò che si mangia.

Da sabato 4 giugno, nella sezione "La Voce del Gusto" verrà dato spazio al piatto della tradizione tra Adige e Po nell’ anno del Giubileo, che punta a valorizzare i prodotti di nicchia Dop e Igp del territorio, facendoli conoscere a quanti visitano il Polesine, proprio in occasione dell’evento religioso. Il primo chef a proporlo è Enrico Rizzato del ristorante Al Ponte di Lusia, che ha puntato sull’ aglio bianco polesano Dop e l’insalata Igp di Lusia, per realizzare uno spaghettone al kamut arricchito da olio e peperoncino. Ne è scaturito un primo molto equilibrato che nella sua semplicità riesce a valorizzare, in modo pieno, i vari gusti.

“Da tempo noto - spiega lo chef Enrico -sono preferiti piatti semplici dai sapori schietti ed immediati. Ciò mi ha aiutato nella preparazione del piatto del Giubileo”. Ecco com’è nata l’idea: “Già faccio il pesto con l’insalata Igp. Ho pensato di abbinare la freschezza dell’insalata al sapore deciso dell’aglio, che però non viene soffritto. Infatti, la crema di insalata posta alla fine aiuta a pulire la bocca e l’aglio quasi non è percepito”.

Un piatto molto semplice e veloce da cucinare anche in casa, soprattutto per un pranzo veloce. E’ economico e rientra nella dieta mediterranea. Comunque può essere prenotato Al Ponte (telefono 0425 669890). Anche la preparazione è accurata e colpisce proprio per la sobrietà. Piatto che quasi sicuramente verrà proposto nel corso della serata di gala al Festival Vivo&Vegeto di metà giugno al mercato ortofrutticolo di Lusia. L’iniziativa del “Piatto del Giubileo” rientra nel progetto Futour. Progetto di formazione continua: il turismo del futuro tra tecnologia, comunicazione e ospitalità, finanziato dalla Regione Veneto attraverso il Fondo Sociale Europeo, promosso da Cifir, ente di formazione di Confindustria Venezia Rovigo.

Tale iniziativa, che ha una valenza regionale vede coinvolti un centinaio di operatori turistici del Veneto. Con esso si propone di sviluppare una nuova idea di turismo che partendo dal turismo emozionale riesca ad accrescere l’ attrattività del territorio. Attraverso la proposta del Piatto del Giubileo gli operatori della ristorazione hanno voluto mettersi in gioco, applicando quanto appreso nei vari moduli formativi cimentandosi nelle nuove frontiere del marketing tra arte cultura didattica e food.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl