you reporter

Porto Tolle

Polveriera PD per la squadra di Bellan

Le correnti interne faticano a compilare l’elenco dei candidati consiglieri in un gioco di veti e controveti

Polveriera Pd per la squadra di Bellan

Il PD di Porto Tolle è una polveriera in vista delle elezioni di giugno. La composizione della lista di candidati consiglieri, a sostegno di Claudio Bellan, sta ridando fuoco alla miccia di un partito che si riscopre vitale e battagliero. Anche troppo, sottolinea qualcuno, perché il gioco di veti e contro veti rischia di creare fratture ancora più grandi.

Da giorni infatti ci sono telefoni bollenti e trattative ad oltranza fra i segretari di circolo, i possibili candidati e i big provinciali del partito. La definizione della squadra che sosterrà il sindaco uscente e candidato alla riconferma Bellan, si sta rivelando più complicata del previsto. E’ una sorta della vecchia lotta fra correnti interne che per anni ha diviso il PD polesano, ma con qualche differenza, perché gli schieramenti, almeno in alcuni elementi, si sono mescolati.

Al centro della bufera alcuni nomi non graditi a tutte le anime dem. Anche perché nella definizione della lista occorre rispettare la rappresentanza di tutte le frazioni e di tutti i circoli.

La polemica impazza da giorni e qualcuno arriva a dire che se la situazione non sarà ricomposta potrebbe essere a rischio anche il risultato finale. Perché gli scontenti, se rimarranno tali, potrebbero anche decidere di non sostenere il partito, senza votare il candidato avversario, ma nemmeno dando la preferenza a Bellan.

Per ora infatti i candidati sindaco sembrano essere due: Claudio Bellan, alla testa di una lista formata da PD e dallo schieramento civico Progetto civico. Dall’altra parte il centrodestra con Roberto Pizzoli.

Il PD quindi sta stringendo i tempi per chiudere. Il segretario di sezione Massimino Zaninello, cerca di stemperare ogni polemica: “Stiamo lavorando per chiudere il tutto entro pochi giorni. Si tratta di cose delicate, per questo si sta soppesando ogni cosa per assicurare a tutte le località e le sensibilità la giusta rappresentanza. Siamo un partito vivo e che discute democraticamente al proprio interno. La lista deve essere depositata entro il 10 maggio, ma siamo a buon punto con simbolo e programma”.

Dichiarazioni diplomatiche, la quadra però non è ancora stata raggiunta proprio sui nomi dell’elenco di candidati a sostegno di Bellan. I punti interrogativi riguardano ancora due o tre caselle. E pare siano proprio quelle su cui i pareri sono discordi. Quelli su cui le anime dem, ossia le correnti, rischiano di incagliarsi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl