you reporter

Lendinara

In città la street art di Buonafede

Inaugurata l’opera dell’artista emiliano nei pressi della cabina davanti all’ex ospedale

In città la street art di Buonafede

Inaugurato il lavoro di street art del giovane artista emiliano Riccardo Buonafede ,presso la cabina di E-distribuzione davanti all’ex ospedale in via Perolari. Con lui a completare l’opera le classi terze medie dell’Istituto Comprensivo di Lendinara. Il progetto fa parte di una serie di laboratori didattici che coinvolgono complessivamente trenta scuole del Polesine, all’interno del festival DeltArte, che fa parte del format più ampio della manifestazione Arte per la Libertà, che vede capofila l’associazione Voci per la Libertà di Villadose.

Il sindaco Luigi Viaro ha ringraziato Melania Ruggini di DeltArte, che ha portato anche Lendinara a partecipare a questo progetto di valorizzazione del territorio e dell’arte contemporanea. “Eravamo stanchi di vedere graffiti, e abbiamo accolto con entusiasmo il progetto di un’opera d’arte a più mani”, ha detto Viaro. Stefano Leviti, responsabile per la provincia di Rovigo di E-distibuzione, ha sottolineato di aver aderito con entusiasmo al progetto che valorizza la sostenibilità, il rispetto per l’ambiente e l’innovazione, proseguendo il percorso già iniziato con il festival Deltarte e l’artista Buonafede, le cui opere sono presenti anche sul sito internet di E-distribuzione. Anche altre cabine della città saranno oggetto nel prossimo futuro, ha annunciato, di riqualificazione artistica.

L’opera di arte urbana che non solo abbellirà la città, ma anche farà riflettere giovani e meno giovani sul valore e l’importanza dell’ambiente e in particolare sulla salvaguardia e il rispetto delle nostre acque, è stata resa possibile grazie al bando Attivamente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Anche l’assessore alla pubblica istruzione Francesca Zeggio ha voluto ringraziare i vari attori del progetto, che ha messo insieme soggetti diversi, come appunto DeltArte, E-distibuzione, la Pro Loco e in particolare Maria Elisabetta Soffritti, dirigente dell’Istituto comprensivo di Lendinara, che porta avanti una collaborazione con l’amministrazione fruttuosa per i ragazzi. “L’arte deve partire dalla scuola, ha commentato l’assessore Zeggio, ma è importante che sia anche fuori dalla scuola, per avvicinare i ragazzi all’amore per la propria città e per sensibilizzarli all’arte, grazie soprattutto alla passione degli insegnanti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl