you reporter

Il caso

Minaccia milionaria per il Comune

Lettera al sindaco: senza il rispetto degli accordi rischio di una causa da 5 milioni di euro

Minaccia milionaria per il Comune

O nuovo supermercato o morte. Non ha questo tono apocalittico ma suona comunque come una minaccia la lettera che l’amministratore delegato della Arx srl ha invito al Comune di Rovigo.

Una lettera in cui chiede al sindaco il rispetto degli accordi presi a suo tempo per l’edificazione di una struttura commerciale, un market, dove ora c’è un parco pubblico tra via Baruchello e la bretella Merlin, a due passi da viale Porta Adige. E si minacciano possibili cause per chiedere fino a 5 milioni di euro di danni, mancato rispetto di patti e quant’altro. Ultimatum al quale il sindaco Massimo Bergamin risponde secco: “Vogliono un contenzioso? Facciano pure. Il Comune si è già espresso sull’argomento, stop a nuove strutture commerciali. In quella zona, poi, di supermercati ce ne sono già tanti”.

Potrebbe essere, insomma, un’altra bella grana per il Comune di Rovigo, una “rogna”, che come tante altre, il lodo Baldetti ad esempio, parte da lontano, oltre un decennio fa. In questo caso dai Piruea, strumenti urbanistici molto utilizzati nei primi anni 2000.

Ulisse Baldisseri, l’amministratore delegato nella sua lettera ripercorre infatti le tappe amministrative della vicenda, a partire dal Piruea di via Baruchello-area ex Zarattini del 2003 che legava la sua azienda al Comune di Rovigo. L’accordo prevedeva, in cambio della realizzazione dell’opera pubblica, un plus valore dato dalla possibilità di edificare in via Baruchello. Nel 2011 però il privato ha ottenuto da palazzo Nodari il via libera ad una variante per spostare la possibilità di costruire dall’area originale a “qualche metro più in là”, proprio dove ora c’è il parco pubblico tra via Baruchello e bretella Merlin. Una rimodulazione della possibilità edificatoria che avrebbe dovuto essere regolata da un accordo di programma definito “ancora in fase di definizione”.

Baldisseri rimarca che negli anni “siamo stati obbligati a pagare 35mila euro tra sanzioni e interessi per non aver completato l’edificazione degli edifici previsti dal Piruea entro i tempi previsti. Questo perché i lotti erano diventati inedificabili in virtù dell’accordo di programma che il Comune non ha ancora approvato e che sarebbe funzionale a compensare un credito che vantiamo per opere eseguite oltre 10 anni fa”.

Al Comune poi si rimprovera la situazione dell’ufficio di cantiere, il famoso ottagono ancora presente in quell’area: “La giunta ha disposto la cessione immediata valutandolo 58mila euro. La struttura giace lì da sette anni senza che ci sia stato detto cosa fare”.

L’amministratore delegato ricorda poi che “ora l’indirizzo sarebbe quello di non perseguire un accordo che avrebbe consentito una soluzione dopo che ci era stato chiesto dall’attuale amministrazione comunale di ripresentare la proposta all’interno del Piano degli interventi del commercio”.

Insomma per la Arx una soluzione che non arriva, “non esistono problematiche urbanistiche per l’insediamento di una struttura commerciale media (meno di 1.500 metri quadrati di superficie di vendita). Pochi mesi fa il consiglio comunale di Rovigo si è espresso per lo stop a nuovi supermercati in città, cosa che coinvolge anche quello che avrebbe dovuto sorgere in via Baruchello “con la conseguenza - dice il manager - che non potremmo esimerci dall’adire le vie legali” Cosa che secondo l’Arx ricadrebbe sui cittadini: “I nostri crediti sono certi. Le vittime dei default pubblici sono i cittadini”. E quantifica le cifre di un contenzioso in 50-100 euro a cittadino, quindi fino a 5 milioni di euro a carico del Comune. Infine il richiamo a possibile ricorsi alla Corte di Conti. Insomma la minaccia di cause legali è più che concreta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl