you reporter

La ricorrenza

Due giugno, festa e contestazione

Sabato mattina in piazza Vittorio le celebrazioni per i 72 anni della Repubblica. Ma il Movimento Cinque Stelle annuncia già un sit in di protesta sotto alla prefettura.

Due giugno, festa e contestazione

La Repubblica italiana celebra i suoi 72 anni. Ma il compleanno, quest’anno, si annuncia tormentato. Colpa della crisi politica e istituzionale in cui, da ormai 88 giorni, si trova il nostro Paese. Che, ancora fino a ieri pomeriggio, sembrava essere senza via d’uscita.

E così, la festa della Repubblica, che si celebrerà dopodomani, quest’anno sarà una giornata davvero particolare. Perché sia la Lega che il Movimento Cinque Stelle si preparano ad allestire gazebo e sit-in per protestare contro la scelta del presidente della Repubblica di porre il veto sulla nomina a ministro di Paolo Savona.

Intanto, il comune e le istituzioni si preparano alle celebrazioni istituzionali. L’appuntamento è per le 9.30 di sabato mattina, in piazza Vittorio Emanuele II, dove si svolgerà la consueta celebrazione della festa della Repubblica, con l’alzabandiera e le orazioni ufficiali.

Alla cerimonia in piazza seguirà poi, nel salone del Grano della Camera di commercio, la cerimonia di consegna dei diplomi delle onorificenze per l’ordine al merito della Repubblica italiana, con l’esibizione musicale degli allievi del conservatorio Venezze.

Ma il Movimento Cinque Stelle, anche a Rovigo, affila le armi. Il gruppo grillino polesano ha infatti organizzato un sit-in caratterizzato dallo slogan “Il mio voto conta”, che si terrà alle 17 davanti la prefettura di via Celio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: La Voce di Natale
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl