you reporter

UMBRIA

Cascata delle Marmore, l'abbraccio tra due fiumi

A poca distanza da Terni , un parco pieno di sentieri e percorsi avvolto da leggenda

Cascata delle Marmore

Una delle cascate più alte d’Europa si trova in Italia, nel cuore dell’Umbria ed è circondata da rocce dalle forme suggestive e da una vegetazione rigogliosa. La Cascata delle Marmore, con i suoi 165 metri di dislivello suddivisi in tre salti, offre a escursionisti e visitatori uno spettacolo davvero maestoso.

Il fiume Velino si tuffa, infatti, nella profonda gola scavata da un altro corso d’acqua, il Nera, in un abbraccio d’acqua che solleva spruzzi e nuvole di vapore. Per gli amanti del brivido che non temono di avvicinarsi troppo alla cascata, il posto da raggiungere è il “Balcone degli innamorati”, un terrazzino incastonato nella roccia a pochi centimetri dal primo salto della cascata. Basta allungare un braccio per accarezzare le acque in caduta libera.

Per chi invece preferisce una visita più tranquilla, non c’è che l’imbarazzo della scelta tra i sei percorsi escursionistici che attraversano il parco della cascata e si addentrano nelle numerose grotte scavate dal fiume Nera.
Percorrere i diversi sentieri potrebbe riservare una curiosa sorpresa: l’incontro con il Gnefro, un folletto che abita i boschi e si diverte a fare scherzetti ai passanti. Ma se è di buon umore potrebbe raccontarvi la leggenda della cascata.

Una ninfa di nome Nera si innamorò del giovane pastore Velino, violando il tabù che le impediva di unirsi agli esseri umani. Giunone, infuriata, la punì trasformandola in un fiume. Velino, credendo che la sua innamorata stesse annegando nelle acque che improvvisamente avevano inondato la valle, si gettò dalla rupe di Marmore per salvarla. Giove, mosso da pietà, per risparmiargli una morte certa, lo trasformò in acqua. Così il giovane riuscì a ricongiungersi alla sua ninfa, in un abbraccio che dura ancora oggi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl