you reporter

Strade

Un’altra infornata di velobox

Costa, Guarda, Crespino: ecco i nuovi apparecchi posizionati. E il totale supera quota 140.

Un’altra infornata di velobox

Nuovi velobox sulle strade del Medio Polesine. Negli ultimi due giorni, ne sono spuntati almeno due a Costa e un altro paio sull’Eridania, tra Guarda Veneta e Villanova Marchesana. Quattro nuovi apparecchi, insomma, che fanno salire ulteriormente il totale degli occhi elettronici puntati sulle nostre strade, che già è da record.

A tempestare ancora una volta le strade di velobox, i contenitori arancioni a bordo strada dentro ai quali può essere posizionato l’apparecchio di rilevazione della velocità, è ancora una volta il comando associato della polizia locale del Medio Polesine, con sede a Polesella. Nel territorio degli undici comuni di competenza, sono ormai circa 30 i velobox installati. E nel conto ci finiscono ovviamente anche gli ultimi quattro, comparsi negli ultimi giorni sull’Eridania e a Costa.

Nel dettaglio, sulla provinciale che unisce Polesella a Bottrighe sono stati recentemente installati altri due box, oltre a quelli già esistenti. Uno è tra Guarda e Crespino, l’altro all’altezza di Arginello.

Due nuovi box arancioni sono arrivati anche a Costa. In questo caso, sono stati posizionati lunga la Provinciale 49, quella che conduce a Rovigo, nella direzione verso il centro abitato, dove è stato rilevato che un’elevata percentuale di autoveicoli non rispettano il limite dei 50 orari, soprattutto nel rettilineo di via De Gasperi.

I nuovi velobox vanno ad aggiungersi ai tantissimi già presenti sulle strade della provincia. Il boom, a cavallo tra 2014 e 2015, quando i comuni che all’epoca facevano riferimento al comando dei vigili di Polesella avevano disseminato le loro strade con ben 20 apparecchi.

Nel 2015, la prefettura di Rovigo (con Francesco Provolo, che aveva dichiarato guerra ai dispositivi di rilevamento della velocità) aveva contato la bellezza di 102 apparecchi in tutto il Polesine, tra velox veri e propri, velobox e tutor. Ma il loro numero è andato, in tre anni, moltiplicandosi. Le ultime stime fissano sopra quota 140 i dispositivi elettronici esistenti sulle nostre strade.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Ci sono 4 nuovi contagiati
CORONAVIRUS IN VENETO

Ci sono 4 nuovi contagiati

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl