you reporter

Occhiobello

Rubavano in case isolate e vendevano i gioielli in un banco oro

Maxi operazione dei carabinieri: sgominata una banda di rom

Rubavano in case isolate e vendevano i gioielli in un banco oro di Occhiobello

I carabinieri della compagnia di Ferrara e Reggio Emilia, in collaborazione con i militari del reparto operativo provinciale e delle compagnie di Portomaggiore, Copparo e Cento, con il supporto dei Comandi di Reggio Emilia e Valdagno,  nonché con l’intervento di personale del 5° Rgt “Emilia Romagna”, del nucleo Cinofili di Bologna e del nucleo Elicotteri di Forlì, hanno eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal G.I.P, mentre altre due soggetti saranno deferiti in stato di libertà.

Una lunga indagine avviata nel mese di settembre 2017 ha permesso di disarticolare l’esistenza di una vera e propria associazione per delinquere dedita alla commissione di furti in abitazione e ricettazione, in particolare di monili in oro. Sin dai primi accertamenti, l’attenzione si è focalizzata su un gruppo di rom italiani, di origine sinti, per lo più residenti o comunque domiciliati presso il campo situato in via delle Bonifiche a Ferrara. E’ emerso che il sodalizio prediligeva le abitazioni isolate, poste in zone rurali della provincia di Ferrara ed in alcuni casi del modenese, colpendo nelle prime ore serali ed evitando le arterie principali dove ritenevano di poter incappare più facilmente in controlli da parte forze dell'ordine,  ed approfittando del buio e del fatto che le abitazioni fossero temporaneamente incustodite per motivi di lavoro o esigenze familiari.

I raid predatori compiuti sono tutti accomunati dall’aver avuto come punto di partenza e di ritorno sempre il campo nomadi di via delle Bonifiche, il modus operandi attuato è sempre stato il medesimo.  Il gruppo, ben organizzato per eseguire i colpi, era dotato di passamontagna, torce, frullini, piedi di porco, cacciaviti, guanti. L’indagine ha permesso di riscontrare anche il canale di ricettazione dei preziosi, un banco dell' oro di Occhiobello.

Nel mese di dicembre del 2017, a seguito di un controllo effettuato presso il banco dell'oro ove  erano soliti rivendere la refurtiva, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro alcuni monili d’oro ed un orologio, del valore di 300 euro circa, venduti dagli indagati e risultati provento di alcuni furti in abitazione. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl