you reporter

Il caso

Il chiosco agita le acque “azzurre”

Il secondo giorno da abusiva della struttura, al centro di un direttivo di Forza Italia. Paolo Avezzù all’angolo insieme a Paulon. Sarebbe l’ennesimo contenzioso. E la zona è sempre più desolata

Il chiosco agita le acque “azzurre”

“Ma con tutti i problemi che ha Rovigo, perché impelagarsi nella questione chiosco?”. Se lo sono chiesti lunedì sera gli esponenti del consiglio direttivo di Forza Italia. Alla riunione erano presenti il commissario comunale e provinciale Piergiorgio Cortelazzo, il vicesindaco Andrea Bimbatti, il presidente del consiglio Paolo Avezzù, i consiglieri Carmelo Sergi e Vani Patrese, Massimo Gasparetto, Claudio Paron, Giuseppe Scaramozzino e Nello Piscopo.

Da una parte l’opportunità e il realismo, dall’altra una questione che sembra di principio. Da una parte la maggioranza del direttivo di Forza Italia, che fa presente le difficoltà che il comune incontrerebbe nell’intraprendere la decisione di smantellare non condivisa con il privato. La struttura, infatti, è privata. Installata su suolo pubblico, ma pur sempre privata. Per buttarla giù bisogna avere l’autorizzazione del tribunale e quindi agire legalmente.

Dall’altra parte Paolo Avezzù, che per ragioni storiche, conclusa la concessione, preme per liberare l’area dalla struttura.

“Il lego lo puoi smontare - gli avrebbero fatto notare - ma lasciare una struttura vuota in mezzo in pieno centro. Chiudere un bar che dava vitalità a un’area per il resto morta, è un vero peccato”.

Era necessario, quindi, trovare un accordo con il Daniele Zago e Monica Vettorato, non agire di cesoia, magari concedere una proroga condizionata. “Le cose - è stato il commento finale - si fanno se sono migliorative. Se peggiorano le condizioni della città allora meglio non farle”.

Intanto, a due giorni dalla scadenza data ai privati per lo smantellamento della struttura, sulla piazza le vetrate chiuse attirano ancora qualche curioso che si ferma a sbirciare domandandosi che ne sarà del futuro dell’area che guarda al Volto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl