you reporter

Adria

Sfida incandescente Barbierato-Cavallari in piazza tra le ovazioni

Il faccia a faccia tra Barbierato e Cavallari. Omar: "Sarò un sindaco che difende i diritti dei cittadini”. Lamberto: “Sarò un sindaco al quale nessuno tirerà la giacca”

“Sarò un sindaco che difende i diritti dei cittadini”, dice Omar Barbierato; “sarò un sindaco al quale nessuno tirerà la giacca”, la replica di Lamberto Cavallari. Questa in estrema sintesi il succo del “Faccia a faccia all’ora dello spritz” di questa sera, mercoledì 20 giugno, in piazza Cavour, con l’intervista pubblica da parte di Pier Francesco Bellini direttore de “La Voce di Rovigo” e della testata on-line www.polesine24.it.

Il dibattito è stato trasmesso live su Facebook grazie alla collaborazione tecnica di Stefano Spano e in diretta su Delta Radio. Tantissima la gente radunatasi nell'agorà adriese per l’unico faccia a faccia tra i due candidati che si sfidano per la carica di sindaco al ballottaggio di domenica prossima. Il dibattito è stato molto acceso, a tratti infuocato e non sono mancati le ovazioni e tentativi di contestazioni da parte del pubblico, a conferma del clima incandescente che si respira in città in vista del voto decisivo.

Più volte Barbierato ha attaccato l’ex sindaco Barbujani su Casa di riposo, Calatravino, mancato parcheggio in piazzale Lupati e ancor più sull'ospedale evidenziando tutte le volte che “adesso è in coalizione con Cavallari”. A un certo quest’ultimo ha sbottato: “Voglio che si esca dall'equivoco una volta per tutte: se sarò scelto dai cittadini sarò io a fare al sindaco, non altri; per la mia storia, la mia esperienza professionale e per il mio carattere non ci sarà mai nessuno a tirarmi la giacca”.

Sostanzialmente identiche, sia pure presentate con toni diversi, le posizioni dei due candidati sulla complessa questione Coimpo: chi ha sbagliato – sostengono entrambi – dovrà pagare sia imprenditori che funzionari o dirigenti pubblici, non accetteremo che le spese della bonifica del sito e dei terreni ricadano sui cittadini adriesi.

Visione opposta sull’ospedale, non tanto sulla difesa dei servizi socio/sanitari, ma sul modo di affrontare la questione sapendo che bisogna confrontarsi con i livelli istituzionali superiori. Strategia Barbierato: “Dovrà partire subito un tavolo di concertazione, sempre disatteso dalla passata amministrazione, per avere quello che ci spetta: dalla copertura dei primari, all’ospedale di comunità promesso da quattro anni”. Il modus operandi di Cavallari: “Prima di tutto bisogna confrontarsi con operatori, sindacati, lo stesso comitato civico e le forze politiche per capire che cosa vogliamo, ma soprattutto dobbiamo mettere a punto un’agenda per non chiedere quello che non ci daranno mai e con questa scusa saremo tagliati fuori dai tavoli”.

Finale con una stretta di mano tra i due sfidanti sotto gli occhi dell’arbitro e tra gli applausi della gente.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl