you reporter

LA POLEMICA

“La città è solo un eventificio”

L’ex assessore: “Via Torino, verde, Luca Doni, Iat, polizia locale e opere pubbliche: tutto un flop”

“La città è solo un eventificio”

“Questa città merita molto di più, non può essere solo una città ‘eventificio’”. Così l’ex assessore Roberto Luppi, conoscitore della politica portovirese, che interviene per analizzare l’operato dell’amministrazione di Maura Veronese nel Comune di Porto Viro. Al centro del suo intervento diverse questioni, come “via Torino, il Centro sportivo ‘Luca Doni’, i servizi della manutenzione delle strade e del verde pubblico, il servizio di collegamento fra Porto Levante ed Albarella via acqua, l’ufficio informazioni ed accoglienza turistica, la sorveglianza e la sicurezza anche con l’implementazione del sistema di videosorveglianza e di nuovi agenti della polizia locale”.

Per quanto riguarda via Torino, “vedendo in questi giorni l’inizio dei lavori, credo sia giusto iniziare dicendo che le opere partono oggi grazie all’attività amministrativa svolta dall’ex sindaco Giacon che aveva avviato l’iter già nel 2015, per un importo lavori pari a euro 135.302, 56 iva esclusa, finanziato con fondi derivati da devoluzione dei residui di mutui vincolati giacenti presso la Cassa deposito e prestiti”. “Fa specie - spiega Luppi - che questa amministrazione abbia perseguito la strada di un progetto che aveva tanto criticato fin dal principio, da quando il sindaco e il vice sindaco erano allora consiglieri di minoranza.

Mi auguro che i tempi necessari per riconsegnare alla città via Torino siano ragionevoli; personalmente ho dei grossi dubbi, poiché osservando il sito del comune, alla sezione appalti, si scopre che l’avviso di manifestazione di interesse per l’affidamento dei lavori della via Torino è datato 22 giugno 2018, con termine ultimo per presentare l’interessamento entro il giorno 9 luglio 2018. Da qui dovrà naturalmente seguire l’esame delle istanze, il sorteggio e per finire l’aggiudicazione al prezzo più basso e poi eseguire i lavori. Domanda: entro inizio anno scolastico, via Torino, importante arteria per la veicolazione degli autobus che trasportano i nostri studenti, sarà libera dal cantiere?”

“Stesso discorso sul servizio del verde - attacca Luppi - ad oggi su 9 ditte che hanno presentato la manifestazione di interesse, 5 sono state sorteggiate e 4 escluse. Anche qui i tempi saranno lunghissimi e l’erba crescerà sempre di più, causando disagi alla viabilità, nei parchi e giardini del comprensorio comunale”. L’analisi si sposta sul Centro sportivo “Luca Doni”: “Sembrava che ad agosto 2017 dovesse riaprire, invece, altro flop per l’amministrazione Veronese”.Le critiche vanno anche al servizio di collegamento fra Porto Levante ed Albarella via acqua. “Si è visto il bando andare deserto per la seconda volta - spiega Luppi - Ad oggi, inizio luglio 2018, del servizio non si vede niente, ma solo siluri che attraversano il fiume. Va precisato che, anche in questo caso, le somme messe a bando per il servizio erano frutto del lavoro della giunta Giacon, altro flop”.

Per quanto riguarda lo “Iat” (ufficio informazione accoglienza turistica), “questa amministrazione ha scelto di chiudere l’ufficio del centro di Porto Levante per spostarlo in Piazza Matteotti località Contarina”. “È come se a Rosolina Mare che è il centro turistico della città, con migliaia di turisti stranieri e italiani che arrivano ogni stagione, lo Iat fosse spostato a Rosolina centro in fianco al comune”.

L’attacco continua con l’argomento della polizia locale: “Il servizio è composto da quattro agenti compreso il comandante. Da normativa in pianta organica dovrebbero esserci 14 agenti; uno ogni mille abitanti, così come sempre sostenuto anche dal vicesindaco Doriano Mancin quando sedeva in minoranza - dice Luppi - Constato però che quanto promesso in campagna elettorale, sono rimaste parole e proclami. Dove sono le video telecamere promesse per garantire più sicurezza ai cittadini della città e frazioni?”. L’ex assessore chiude con le opere pubbliche.

“La manutenzione delle strade, oggi indecenti dal centro alle frazioni, fa parte della programmazione ordinaria; asfaltare le strade è necessario in primis, per mettere in sicurezza i cittadini. Veronese si esalta, annunciando di destinare un milione di euro alle asfaltature; credo che abbia scoperto l’acqua calda, considerato che può farlo, anche in questo caso, grazie all’eredità e al lavoro svolto da chi l’ha preceduta, vedasi questione Adriatic lng”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl