you reporter

Meteo

Sta arrivando il caldo africano

Dal fine settimana sarà piena estate con l’afa a farla da padrona. E in Polesine si sfioreranno i 40 gradi

Sta arrivando il caldo africano

Preparatevi, perché dopo i temporali e la bora degli ultimi giorni, a partire dal fine settimana farà caldo, ma davvero tanto caldo.

Tutti i modelli meteorologici su questo sono concordi: a partire da fine giugno - e almeno per la prima settimana di luglio - l’estate si farà sentire, con temperature che sul Polesine toccheranno anche i 36 gradi di massima. Una temperatura che, a causa dell’umidità e dell’afa, sarà percepita ancora più alta, con punte fino a 38 gradi (come si può vedere nella tabella a fianco, elaborata su dati di 3bmeteo.it).

“Un cambiamento di circolazione è previsto sul finire di giugno e soprattutto nei primi giorni di luglio quando farà irruzione sul bacino centrale del Mediterraneo un'onda calda (anticiclonica) africana”, spiega Maycol Checchinato della pagina Bpp Meteo.

Checchinato invita comunque alla prudenza: “Si tratterà di un’alta pressione vulnerabile agli attacchi delle perturbazioni in arrivo da ovest, ma questa situazione andrà valutata dopo il 3 di luglio”.

Fino ad allora il caldo sarà dunque molto intenso. Anzi, si assisterà ad un vero e proprio crescendo, con le punte massime previste proprio per la giornata di lunedì 2 luglio, quando in pianura il termometro dovrebbe toccare i 36 gradi.

“Proprio così... Tra sabato 30 giugno e mercoledì 4 luglio il clima sarà caratterizzato da un caldo a tratti intenso, con picchi elevati soprattutto al centro-sud. Ma anche sulla Valpadana si potranno toccare temperature fra 34 e 36 gradi e con l’afa che tra l’altro tenderà ad aumentare con il passare dei giorni”.

Insomma: è in arrivo un periodo caratterizzato da caldo e afa che ricorderà da vicino quelle della scorsa estate. E il fresco serale, tipico dell’anticiclone delle Azzorre delle ultime settimane rimarrà solamente un ricordo.

L’importante - e i meteorologi su questo sono molto intransigenti - non parlare di ondata di calore, così come quando piove troppo non usare il termine “bomba d’acqua”.

Ma per quanti tempo saremo costretti a sudare sotto il solleone?

“Al momento - precisa Checchinato - per il nord Italia parliamo di qualche giorno, meno di una settimana, mentre l'evoluzione successiva riporta l'Europa a fare i conti con le masse d'aria più fresche in arrivo dall'oceano Atlantico. Nuove perturbazioni così potrebbero conquistare dapprima la Penisola Iberica per poi espandersi fino all’Italia, con i primi temporali a partire dal 4 luglio. Ma su questo è ancora presto per avere certezze”.

Prudenza, dunque, ma un caldo intenso che - come abbiamo visto - avrà i suoi picchi nel fine settimana.

Per la cronaca, mappe alla mano, la giornata più calda dovrebbe essere quella di lunedì quando sul Polesine si toccheranno i 36°C reali, con una temperature percepita (che viene calcolata tenendo presente ventilazione e soprattutto umidità) che arriverà a 38°C.

Le località più calde del Polesine dovrebbero essere quelle dell’interno, dove si registrerà anche qualche grado in più rispetto al resto della Provincia. Ad Occhiobello, ad esempio, lunedì si dovrebbero toccare i 37°C con una temperatura percepita che raggiungerà i 40°C. insomma: un be, caldo davvero. Come sempre andrà meglio sulle coste dove, grazie alle brezze marine sarà possibile, se non altro, respirare.

E allora, per chi se lo può permettere, è proprio il caso di dirlo... tutti al mare!

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Ci sono 4 nuovi contagiati
CORONAVIRUS IN VENETO

Ci sono 4 nuovi contagiati

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl