you reporter

Politica

“Col privato i servizi della sanità miglioreranno”

Il consigliere comunale: “Il vero problema è la mancata fusione con Cona”

“Col privato i servizi della sanità miglioreranno”

Dopo la conferenza sul tema della cittadella socio sanitaria di Cavarzere, sembra che i dubbi siano rimasti e che più di qualcuno non abbia ben capito quale sarà il futuro della stessa, a parte aver appurato che sarà a gestione privata.

Infatti al 31 dicembre 2018 l’Usl 3 Serenissima avrà acquisito la parte tutt’ora privata della Cittadella, che corrisponde al 49% e l’1% in possesso del comune di Cavarzere; dopo di che verrà venduta ad un ente privato sia l’attività sanitaria, che la struttura stessa, il quale ente avrà l’obbligo di mantenere questi servizi sanitari per 15 anni.

Ma la domanda sorge spontanea: con quali standard? Verranno mantenuti gli stessi servizi? E dopo i 15 anni? Insomma, domande legittime per una popolazione che cerca di capire il proprio futuro e trovare chiarezza.

Nel frattempo è il consigliere di minoranza Pierfrancesco Munari che spiega: “Credo che la privatizzazione anche in altri paesi abbia dimostrato un mantenimento se non un innalzamento della qualità dei servizi, oltre ad essere una soluzione che da prospettive per il futuro”. E continua: “Detto questo io mi preoccuperei non tanto se tra 15 anni verranno o no mantenuti i servizi sanitari, in quanto Cavarzere, vista la mancata fusione con Cona, è un paese destinato a soccombere, perché ci sono sempre più giovani che se ne vanno, le persone anziane sono in continua crescita e credo che se andremo avanti di questo passo tra 15 anni ci troveremo con la metà degli abitanti”.

E ancora: “Questa amministrazione si dovrebbe preoccupare prima di tutto di come risollevare questo paese, ma sembra miope e non vuole guardare più in là del giorno dopo”.

“Se fosse arrivata la fusione e di conseguenza i sovvenzionamenti statali e regionali, avremo potuto progettare in maniera ottimale il futuro di questa cittadina, che si ritrova ferma ed in una inesorabile retrocessione, dalla quale non ne uscirà più”.

E infine: “Credo che la cittadella sia un bene prezioso, ma se Cavarzere continuerà a calare come popolazione ci verrà tolta di conseguenza, bisogna ripartire da quelli che sono i giovani per rilanciare il paese”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl