you reporter

Adria

Si sta partorendo tanta confusione

Cavallari va al nocciolo del problema: “A Rosolina un nato su tre viene alla luce a Chioggia”

Si sta partorendo tanta confusione

Tutti uniti ma poco appassionatamente nel difendere il punto nascite dell’ospedale Santa Maria Regina degli Angeli. Anzi più passano i giorni, più si ha la sensazione che ognuno vada per conto proprio, dove la preoccupazione maggiore sembra quella lavarsi le mani e poter scaricare le colpe sull’avversario politico perché le speranze di salvare il servizio maternità sono ridotte al lumicino.


Al punto che ieri mattina il consiglio comunale non è stato neppure capace di mettere a punto un ordine del giorno da inviare alle istituzioni superiori. In verità, un documento è stato votato, ma il sindaco ha fatto sapere che saranno “apportate delle modifiche accogliendo alcuni suggerimenti emersi nel dibattito”, quindi la stesura ultima del documento non avrà il voto del civico consesso, salvo che non venga convocato d’urgenza nei prossimi giorni.


Quello che sorprende ancora di più è che ogni comune del Delta sta votando un proprio documento: giovedì sera Porto Tolle, l’altra sera Ariano. Barbierato aveva annunciato nei giorni scorsi che i sindaci del comprensorio ex Ulss 19 si erano impegnati a far votare dai rispettivi consigli comunali un ordine del giorno da portare all’attenzione di Regione e Comune.

Da che mondo è mondo, il documento dovrebbe essere uguale per tutti. Invece si scopre che ogni consesso sta apportando delle modifiche, pertanto pur salvaguardando l’impianto e l’obiettivo di base, il testo è diverso. Ecco perché appare sempre più chiaro che la squadra chiamata a difendere il punto nascite stia andando in ordine sparso, al di là degli altisonanti proclami di unità d’intenti.


E così non è stato possibile avere il testo del documento che porterà avanti il sindaco di Adria.


Intanto affiorano i dubbi sulla trasferta romana in programma mercoledì. Paolo Baruffaldi (Lega) ha chiesto espressamente se “l’incontro al ministero con il sottosegretario alla salute Maurizio Fugatti sia stato concordato o meno con la Regione”. Nella risposta Barbierato ha tergiversato spiegando che “l’incontro è stato organizzato dal sindaco di Piove di Sacco e lui ha condiviso e aderito all’iniziativa”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Ci sono 4 nuovi contagiati
CORONAVIRUS IN VENETO

Ci sono 4 nuovi contagiati

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl