you reporter

Maltempo

Duecento tonnellate di melanzane in fumo. "Ma entro un mese avremo le nuove serre”

I danni e l'orgoglio degli agricoltore polesani, subito pronti a tirarsi su le maniche. Pavarin, tra i più colpiti: "Ripartiamo immediatamente".

La furia del vento e della tempesta hanno messo in ginocchio le aziende agricole polesane. E a pagare il prezzo maggiore, sacrificato sull’altare del maltempo, è stata la zona tra Lusia e Lendinara, proprio il fiore all’occhiello del settore primario della nostra provincia.

Tra le aziende più colpite, quella di Andrea Pavarin, a Lusia. Un’azienda con oltre cent’anni di storia, a conduzione familiare ma con la bellezza di 24 dipendenti. Che, in poche decine di minuti di furia degli elementi ha subito danni per oltre 400mila euro, certificati proprio ieri mattina dal perito dell’assicurazione.

Sotto la furia del vento e della grandine è crollato il 20% dei nove ettari di serre, in cui vengono coltivati 60mila melanzane, per un milione di chili in totale. Ventimila metri quadrati di serre sradicati. “E’ dura. Ma non ci arrendiamo. Già domani sgombreremo l’area, e ripartiamo. Entro un mese voglio vedere le nuove serre rimesse in piedi”, traccia la linea Andrea Pavarin. “Lo dobbiamo ai nostri 24 dipendenti”.

Poco lontano, appena oltre Cavazzana ma già nel territorio comunale di Lendinara, danni ingenti anche al frutteto di Alberto Braga. Qui, 2,7 ettari di frutteto sono stati sbaragliati dall’intemperanza degli elementi: con alberi e pali crollati, e reti e coperture schiantate a terra. La comunicazione dei danni, per 150mila euro circa, è già stata inoltrata all’Avepa.

Una cifra ottenuta dalla somma del prodotto andato perduto, a cui si sommano i trattamenti fatti e le strutture abbattute. “Abbiamo perso anni e anni di lavoro”, fa il punto Alberto Braga. “Per fortuna, il resto del frutteto si è salvato, e riusciremo a sopportare questo colpo, pur durissimo. E’ stato un vero disastro”.

Che avrà ripercussioni anche occupazionali. I 20 stagionali circa che - dalla prossima settimana - saranno impegnati in azienda nella raccolta di pere e mele quest’anno lavoreranno meno settimane del previsto; mentre altri cinque non verranno proprio assunti. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl