you reporter

ROVIGO

Addio Borsa, emozione alle stelle

Dal sindaco Bergamin al campione Polla Roux, riconoscenza e nostalgia per il locale. Il titolare Lorenzo Paparella: “Tante dimostrazioni di affetto. Sono davvero incredulo”,

“Ma voi ci credete che Lorenzo andrà in pensione?”. Le parole del sindaco Massimo Bergamin sembrano profetiche. Ma al futuro ci penseremo tra sei mesi. Lo ha già detto Lorenzo Paparella, il titolare dello storico locale. Stasera, 29 luglio, è stato il giorno dei saluti, pure la musica di Sandro Lavezzo, anni ‘80, un tripudio di nostalgia, raccontava di tempi andati, di addii.


La festa per salutare il Borsa è cominciata alle 20,30, con i collaboratori di Lorenzo Paparella schierati per l’ultimo giorno: la storica Franca, Camilla, una sicurezza dietro al bancone, Alex che conosce a menadito le esigenze di tutti i clienti, Tommy, anche lui storia della movida a Rovigo. Vestiti di nero, eleganti. A servire, per l’ultima volta con tanta commozione.


Per 22 anni il Borsa è stato in piazza il punto di riferimento di politici, sportivi, gruppi di giovani, gruppi di anziani. Un caffé dall’allure elegante, ma che è sempre stata una piazza nella piazza.

Ha fatto un salto l’ex campione rossoblu ed ex allenatore della squadra rodigina, il sudafricano Polla Roux, che ha abbracciato stretto Lorenzo: “Ho cominciato qui. Quando giocavo, nel 1999 e poi quando venivo da allenatore con la mia squadra. Non sapete quanti bellissimi ricordi”.


Foto di rito e qualche lacrima ingoiata. “Ho avuto tante dimostrazioni di affetto, sono davvero incredulo ed emozionato”, è riuscito a dire tra un abbraccio e l’altro Paparella.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl