you reporter

La proposta al ristorante Cavalli <br/> tortino di sarde e caponata di melanzane

Piatto del Giubileo

chef paolo bozzato.JPG

lo chef Paolo Bozzato del ristorante Cavalli di Loreo

Il km zero nel piatto: il tortino di sarde con caponata di melanzane e riduzione di aceto balsamico. E' il "piatto del Giubileo", preparato dallo chef Paolo Bozzato, del ristorante Cavalli di Loreo, che valorizza a 360 gradi i prodotti legati al territorio: le alici del vicino mare Adriatico e le verdure prodotte a Rosolina.

"Il piatto proposto – spiega lo chef Paolo – è una rivisitazione di due prodotti a Km 0, molto usati nella cucina povera. Un cibo che fa bene alla salute, in quanto rientra nella dieta mediterranea, ma anche al portafoglio perché spendendo poco si può mangiare bene". Data la semplicità degli ingredienti usati è una ricetta che si può fare anche in casa, richiede poco tempo nella preparazione ed è molto nutriente.



"Le alici – aggiunge lo chef – vanno prese sempre fresche, meglio in pescheria. Quindi vanno marinate per un paio di ore con bucce di arancia, lime e profumo di aglio Dop. La caponata, ma può essere sostituita da altre verdure stagionali, ad esempio le zucchine, tutte le massaie la sanno fare". Da dove deriva l’idea del piatto? "E' nata, a poco a poco, facendo esperienza di quanto chiedono i clienti del mio ristorante. Ho visto che la semplicità in ciò che si mangia, accompagnata da gusti schietti, è sempre preferita ai piatti della nouvelle cousine. Inoltre, interpreta lo spirito del messaggio che Papa Francesco ha voluto dare con l’enciclica Laudato Sii e l’anno del Giubileo".



Diplomato all'Alberghiero di Stresa, Paolo Bozzato, dopo una parentesi trascorsa a Milano, nel 1982 è tornato a Loreo. Con il papà Giancarlo, pasticcere, è la sorella Paola ha rilevato l'albergo-ristorante Cavalli, che con gli oltre 100 anni di vita è considerato "locale storico". La cucina proposta è quella legata alla valorizzazione dei prodotti di nicchia del territorio, in primis il buon pesce delle valli e del Delta del Po. Il servizio di ristorazione si è ampliato con l’offerta di escursioni nautiche lungo il Po di Venezia, di Maistra, di Levante, la laguna Caleri fino al giardino botanico di Rosolina, a bordo de "La Venexiola", dove viene servito l'aperitivo che prepara al pranzo o alla cena in ristorante. Fra i piatti più gettonati: i tortellini in nero, la frittura mista, i garusoli in crema di piselli. Per chi non ama il pesce, c’è l’alternativa della carne che proviene dagli allevamenti certificati della zona.



L'iniziativa del "Piatto del Giubileo" rientra nel progetto Futour. Progetto di formazione continua: il turismo del futuro tra tecnologia, comunicazione e ospitalità cod. 1004/1/1/784/2015, finanziato dalla Regione Veneto attraverso il Fondo Sociale Europeo, e promosso da Cifir , ente di formazione di Confindustria Venezia Rovigo. Il progetto che ha una valenza regionale vede coinvolti un centinaio di operatori turistici del Veneto. Il progetto si propone di sviluppare una nuova idea di turismo che partendo dal turismo emozionale riesca ad accrescere l'attrattività del territorio. Attraverso l’iniziativa del Piatto del Giubileo gli operatori della ristorazione hanno voluto mettersi in gioco, applicando quanto appreso nei vari moduli formativi cimentandosi nelle nuove frontiere del marketing tra arte cultura didattica e food.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl