you reporter

Consorzio di sviluppo

Il Consvipo si arrocca e prende fiato

Assenti Provincia e Rovigo. Al consuntivo 2017 mancano 300mila euro. E per il cda tutto rimandato

Il Consvipo si arrocca e prende fiato

13/08/2018 - 20:46

Il Consvipo non molla, si arrocca attorno ai sindaci e prova a riprendere fiato. Ieri l’assemblea dei soci ha approvato il bilancio consuntivo 2017 e le tabelle per i contributi dei Comuni soci per il 2018.

Ma oltre la metà dell’assemblea del Consorzio ieri era assente (presente il 37% delle quote associative), e al bilancio 2017 manca circa il 50% dei fondi versati dai soci. La situazione del Consorzio di sviluppo resta critica, con diversi soci che non si sono presentati all’assemblea di ieri, a partire dal presidente della Provincia Marco Trombini (presente però come sindaco di Ceneselli) e dal Comune di Rovigo. Difficoltà evidenziate anche dalla impossibilità di nominare un cda, per il quale serve una maggioranza assoluta delle quote associative.

A dire il vero qualcuno, nei giorni scorsi, ha provato a spingere per nominare un cda da parte del presidente dell’assemblea e reggente, ma il presidente Francesco Siviero, sindaco di Taglio di Po, si è detto indisponibile, preferendo attendere una rappresentanza dei soci maggiore.

Lo stesso Siviero però precisa che “a norma di statuto io devo nominare un cda entro 45 giorni dalla fine del cda precedente, cioè entro i primi di settembre. Oppure avviare le procedure di chiusura. In ogni caso una decisione va presa. Ma serve la maggioranza dei soci, spero che ci si riesca. Convocherò un’altra assemblea entro il mese”.

Per la nuova governance, però, si potrebbe cercare di tirare avanti fino alle elezioni provinciali del prossimo ottobre. Per allora ci saranno nuovi assetti politici e alleanze fra sindaci.

Ieri in assemblea c’erano amministratori e deleghe per il 37% di quote associative (serviva il 33% per il numero legale). Assenti Rovigo, Provincia, Camera di commercio, Badia, Gavello, Pontecchio, Salara, San Bellino, Villanova del Ghebbo. E in virtù di questo i soci (una minoranza della rappresentatività) hanno approvato il bilancio e il piano finanziario, che poi dovrà essere sostenuto anche da quei Comuni, e dalla Provincia, che ieri hanno disertato.

La situazione economica del Consvipo, per quel che riguarda i contributi dei soci evidenzia che dei 624mila euro di quote associative del 2017, ne sono state versate la metà. Mancano circa 300mila euro, la Provincia non ha versato 264mila euro. La Camera di Commercio non ha versato 12mila euro; Badia deve pagare 14mila euro. E poi Bergantino 4mila euro, Gaiba 1.500 euro e San Bellino 2.400 euro. Gli altri Comuni sono in regola con i versamenti, compreso Rovigo che ha girato al Consvipo i 73mila euro previsti per il 2017.

Secondo Siviero però “molti di questi Comuni, compreso Badia, hanno assicurato che il versamento della quota sarà effettuato al più presto, oppure già attivato”. Provincia e Camera di commercio però non sono di questo avviso, e i loro contributi ammontano a quasi 290mila euro. Inoltre “queste somme, essendo state approvate dall’assemblea possono essere scritte a bilancio. Tecnicamente non ci sono problemi”.

Per il 2018 i soci sono chiamati a versare gli stessi importi del 2017, con il problema che chi non ha pagato il 2017 dovrà sborsare una somma doppia. Cosa complicata, soprattutto per la Provincia. Ma ormai è chiaro che Palazzo Celio non farà alcuna mossa fino all’elezione del prossimo presidente. Poi se la vedrà lui, e solo allora si potrò finalmente capire se il Consvipo sarà rilanciato, modificato, corretto o definitivamente archiviato. Senza contare che in piedi c’è anche un arbitrato che dovrà stabilire come uscire dall’ente e quindi come comportarsi con il pagamento delle quote. Questa, anche per le possibili conseguenze, sarà la vera linea del fronte.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl