you reporter

L'emergenza

“Da piloni dei ponti sul Po affiora il ferro”

Sindaci preoccupati per la conservazione dei viadotti sul fiume. A Ficarolo la situazione più critica: “Subito un sopralluogo”. Presto cantiere da 2 milioni sulla A13.

“Da piloni dei ponti sul Po affiora il ferro”

Ponti sul Po, abbiamo un problema. Mentre vanno avanti tutta i lavori per la sistemazione (ma si può tranquillamente parlare di ricostruzione, visto che la sede stradale è stata completamente demolita) dell’infrastruttura tra Santa Maria e Occhiobello, che sono ormai arrivati al giro di boa, con il ponte che dovrebbe riaprire ad ottobre, preoccupano - e molto - le condizioni degli altri viadotti, a Polesella, Ficarolo e Castelnovo. Sono gli stessi sindaci a porre il problema, segnalando come, ormai, l’acciaio affiori dal calcestruzzo creando, se non problemi statici, di sicuro l’allarme tra la popolazione.

All’elenco, si aggiunge il ponte della A13 a Occhiobello: da due giorni, sui social, ha ripreso a circolare in modo virale un video, risalente allo scorso anno, in cui si vede l’opera da sotto, e in cui sono evidenti gli scrostamenti.

In ogni caso, sono in vista dei lavori: il cantiere, rivela il sindaco Daniele Chiarioni che proprio ieri ha contattato Autostrade, dovrebbero partire prima della fine dell’anno, e sono già in svolgimento i lavori preparatori. L’appalto, da 2 milioni di euro, è in fase di aggiudicazioni. I lavori riguarderanno in particolare il ripristino dei calcestruzzi scrostati o ammalorati. “La struttura è osservata in continuazione e non esistono situazioni di rischio”, assicura comunque il primo cittadino.

A Castelnovo Bariano, le fessurazioni dei piloni e di alcune parti sottostanti del viadotto raggiungono le dimensioni di parecchie decine di centimetri, “Il ponte che va a Sermide - sottolinea il sindaco Massimo Biancardi - è per due terzi di proprietà della provincia di Mantova, e solo per un terzo di quella di Rovigo. Palazzo Celio sta eseguendo lavori di rifacimento delle giunture della carreggiata, ma bisognerebbe anche provvedere a rimuovere tutti i detriti depositati vicino ai piloni. Come comune, chiederemo una relazione tecnica sullo stato del ponte”.

Non pare star meglio il ponte che collega Ficarolo con Stellata di Bondeno: sui piloni si vedono chiaramente spuntare i ferri delle armature del calcestruzzo, che non sono certo essere rassicuranti. Duro il commento del sindaco di Ficarolo Fabiano Pigaiani, che sembra essere particolarmente preoccupato per le condizioni della struttura. “Non entro nel merito di eventuali problemi di staticità - afferma il primo cittadino - ma sicuramente i piloni non sono in ottime condizioni. Ho personalmente documentato con alcune fotografie, nei mesi scorsi, lo stato di alcuni punti dei piloni stessi: si vede il ferro dell'armatura completamente scoperto dal cemento e a contatto diretto con le intemperie. Questo sicuramente potrebbe creare problemi, anche seri”.

“Nei prossimi giorni - annuncia Pigaiani - consegnerò tutta la documentazione alla Provincia e chiederò un sopralluogo per verificare lo stato del ponte. Da oltre un anno a questa parte, ho più volte comunicato alla stessa Provincia come sul manto stradale, dopo le piogge, l’acqua non riesca ad uscire dalle feritoie di sgrondo ristagnando così sulla strada e creando problemi di sicurezza agli automobilisti. Un fatto che potrebbe anche contribuire ad accelerare lo stato di deterioramento del manufatto”.

Per quanto riguarda Occhiobello, interviene l’assessore ai lavori pubblici Davide Valentini. “I lavori sul ponte che divide Santa Maria Maddalena da Pontelagoscuro procedono secondo la tabella di marcia: gli operai hanno lavorato anche il giorno di Ferragosto - le sue parole - se non ci sono problemi dovuti al maltempo il cantiere dovrebbe terminare secondo i tempi previsti”.

A preoccupare di più, sono invece le condizioni del ponte che attraversa il Po all’altezza di Polesella e che collega il Polesine con Ro Ferrarese: un viadotto che recentemente ha avuto un aumento del traffico pesante, proprio per la chiusura dell’infrastruttura di Pontelagoscuro.

E moderatamente preoccupato si dimostra il sindaco Leonardo Raito. “Ho chiesto con frequenza alla Provincia di fare delle verifiche sullo stato del manufatto e sono sempre stato rasserenato - spiega - di certo il volume di traffico non è paragonabile a quello di un’autostrada, ma è chiaro che dobbiamo tenere tutti la dovuta attenzione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl