you reporter

Taglio di Po

Casa di riposo “insufficiente” il Pd: “Se ne parli in consiglio”

Il circolo locale guidato da Ruzza: “Approfondiamo le criticità”

Casa di riposo “insufficiente” il Pd: “Se ne parli in consiglio”

Il Partito democratico di Taglio di Po interviene all’indomani della comunicazione da parte della Regione Veneto che aveva bocciato, in alcuni aspetti (pulizia degli spazi comuni e organizzazione dei turni di lavoro) la casa di riposo “Madonna del Vaiolo”. Casa di riposo gestita dal Ciass, Consorzio Isola di Ariano servizi sociali, insieme alle “sorelle” di Ariano nel Polesine e Corbola.

“Venerdì 10 agosto la casa di riposo ha ricevuto l’ispezione da parte della Regione Veneto e, da quanto è risultato, è stata l’unica tra quelle ispezionate ad essere valutata in maniera insufficiente - puntualizza Marco Ruzza, segretario del circolo Pd di Taglio di Po - la prima cosa che ci sentiamo di dire è che l’ispezione ha comunque confermato gli alti standard di accoglienza, cura e trattamento degli ospiti, e di questo va dato sicuramente merito agli operatori che ogni giorno li seguono con grande professionalità e amore”.

“In maniera coerente con il nostro modo di pensare e agire, crediamo che la cosa migliore in questo momento, sia innanzitutto approfondire le criticità riscontrate durante l’ispezione regionale - aggiunge Ruzza - confrontando la modalità di gestione della casa di riposo di Taglio di Po con le altre strutture presenti a Corbola e Ariano nel Polesine, anch’esse gestite dal Ciass. Crediamo altresì che ogni strumentalizzazione politica in questo momento sia del tutto inutile oltre che nociva per le persone che vi lavorano e per gli ospiti che ci vivono. Riteniamo invece opportuno affrontare con serietà la questione adoperandosi per trovare soluzioni adeguate”.

“Per questo sarà necessario che nel prossimo consiglio comunale l’argomento venga inserito all’ordine del giorno, con la possibilità di interloquire direttamente con il direttore (Daniele Panella ndr), l’intero consiglio di amministrazione, oltre ai rappresentanti della cooperativa delegata alla gestione di alcuni servizi all’interno della casa di riposo” la richiesta di Ruzza a nome del circolo Pd locale. “Crediamo che questo sia il metodo, quello basato sull’informazione vera e sul confronto, nonché il percorso per addivenire concretamente alla soluzione dei problemi riscontrati, nonché per il miglioramento generale dei servizi, a tutela delle persone che vi sono ospitate e a supporto del personale che vi lavora” la riflessione di Ruzza.

Le criticità rilevate, come riferito dall’assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin, riguardavano “la carenza di operatori nella copertura dei turni e la pulizia di alcuni ambienti”. “Se qualche criticità viene rilevata è ben accetta, in vista di un continuo percorso di miglioramento che la Regione sta chiedendo ai centri servizi - aveva risposto in una nota il direttore Panella - l’impegno resta alto anche in considerazione che spesso gli ambienti hanno bisogno di notevoli investimenti strutturali”. A chiudere il sindaco Francesco Siviero il quale aveva sottolineato come “tutti i correttivi necessari a migliorare i parametri di deficitarietà emersi sono stati attivati, in modo da dare un servizi di standard elevato”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl