you reporter

Mostra del Cinema

Soldi zero, i set evitano il Polesine

La Film Commission: "Senza fondi non possiamo fare nulla". Ma parte per tre giorni al Lido tra lungometraggi, mostre e premi.

Soldi zero, i set evitano il Polesine

Rassegnatevi: il Polesine, sul grande schermo, è destinato ad un ruolo marginale. Le grandi produzioni di film, qui, probabilmente non sbarcheranno mai. E anche le fiction ci evitano. “Abbiamo avuto l’occasione di ospitare il set di un telefilm Rai, ma servivano 300mila euro”, racconta Angelo Zanellato, presidente della Polesine Film Commission. Per il nuovo film di Pupi Avati, invece, ne bastavano 63mila, per pagare alloggi e catering. Non c’erano, e la produzione è migrata di là del Po.

Sì, perché la Polesine Film Commission, di fatto, è senza portafoglio. E a costo zero - afferma Zanellato - si appresta a partecipare alla mostra del cinema di Venezia, allo spazio della Regione Veneto all’Excelsior, per tre giorni. Si inizia mercoledì, con l’inaugurazione della mostra fotografica sul doppiaggio. Alle 14.30 la proiezione di un estratto di “Ferny”, film diretto da Maurizio Antonelli e realizzato con la collaborazione della compagnia teatrale Magic’Attori di Castelnovo Bariano. “Un film che dimostra come tante piccole debolezze, messe insieme, fanno una grande forza”, riassume il regista. “Per me - aggiunge - essere a Venezia è toccare il cielo con un dito. Questo è il mio lavoro più completo e più complicato”.

Partiranno in 80 da Castelnovo, per essere al Lido. Tutti a proprie spese: “Abbiamo acquistato i biglietti, 40 euro a testa, e cercheremo il ristorante più economico”, spiega. “Niente catering - conferma Zanellato - porteremo da casa un bel salame polesano da affettare. Ci sarà solo il prosecco per il brindisi, ma quello lo mette la Regione”.

La giornata al Lido prosegue alle 15 con la presentazione di due cortometraggi realizzati con l’associazione Amici di Elena, “Mai più” e “L’amore è come una fisarmonica”, in cui recitano ragazzi disabili, diretti da Fabio Bimbati.

Secondo appuntamento polesano al Lido fissato per il 3 settembre quando il giovane Michele Bergantin presenterà la sua monografia “Tutto Avati”, scritta con Gordiano Lupi, dedicata proprio ai 50 anni di carriera di Pupi. “Sono contentissimo, e quella di Venezia è proprio una cornice speciale in cui presentare un libro così, che è un omaggio ad un pieta non solo della cinepresa, ma anche della carta, qual è Pupi Avati”, ha detto il giovane studioso.

Gran finale il 6 settembre: alle 10.30 spazio al rotocalco curato dai giovani allievi di Ferdinando De Laurentiis. Alle 11 la presentazione del lungometraggio “Sensazioni”, girato dallo stesso De Laurentiis. “Il mio ultimo lavoro - ha svelato - perché per me è il clou. E’ una storia che piace a chi ama il cinema, e che ci ha portato a scoprire tutto il Polesine”. Alle 14 la presentazione della rivista “O” con il giornalista polesano Massimo Veronese e Vittorio Macioce. Alle 15 la presentazione della mostra audio-fotografica interattiva sulla storia del doppiaggio italiano, e alle 15.30 l’incontro con Ciano e Roberta di Doliwood, “miti” del doppiaggio in dialetto veneto.

Alle 16 la consegna la Polesine Film Commission consegnerà il premio nazionale doppiatori a Luciano De Ambrosis, voce di Sean Connery, e Charlotte Infussi D’Amico, “il gigante e la bambina”. Alle 16.30 gran finale con Luce sul Polesine, estratto dal film di De Laurentiis con immagini dell’istituto Luce.

“La Film Commission - ha concluso Zanellato - attira l’attenzione del mondo del cinema sul nostro Polesine e crea occasioni che dobbiamo essere bravi a cogliere. Purtroppo, servono soli. Ma auspico che nasca un comitato, a cui partecipino soggetti diversi, anche pubblici, per dare linfa e risalto alla nostra azione, che negli anni ha comunque raggiunto risultati importanti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl