you reporter

Economia

Redditi bassi, “i giovani scappano”

Gregnanin: “Vedo ancora troppa rassegnazione: bisogna invece rimboccarsi le maniche e fare squadra”.

Redditi bassi, “i giovani scappano”

Prima regola: vietato rassegnarsi. Giampietro Gregnanin, segretario della Uiltec-Uil di Padova e Rovigo, non ha dubbi: “La ripresa c’è, i segnali che arrivano dalle fabbriche sono chiari. Ma dobbiamo saperli cogliere, e soprattutto rimboccarci le maniche e fare squadra, perché le opportunità ci sono. E non le dobbiamo perdere”.

E di fronte al crollo dei redditi dei polesani, precipitati - come ha dimostrato uno studio del Sole 24Ore di lunedì scorso - dell’1,93% in un solo anno, scendendo sotto la quota dei 23mila euro lordi l’anno, propone un approccio di sistema.

“E’ innegabile, ed è un trend storico: la nostra provincia è la più povera del Veneto. Ed è qui che la lunga crisi che ha travolto l’economia a partire dal 2008 ha avuto gli effetti più importanti. Lo vediamo anche da altri indicatori sociali: la popolazione, sia della città capoluogo, Rovigo, che di tutta la provincia, è in costante diminuzione. E’ questo dovrebbe essere un campanello d’allarme per tutti”, dice Gregnanin.

“Tanti giovani - continua - nel silenzio più totale del sistema, politico ma anche associativo. Una volta esisteva un tavolo economico presieduto dalla Provincia, che faceva da soggetto aggregante. Ora tutto questo non c’è più, anche per le mutate competenze delle province stesse. Il risultato è che, con la Provincia indebolita e la città che non è ancora un punto di riferimento per un’area vasta, non c’è più un soggetto che faccia incontrare la domanda e l’offerta di lavoro. E la conseguenza è un ritorno all’emigrazione dei nostri giovani”.

Eppure, per Gregnanin, le occasioni non mancano: “Penso al progetto per la riconversione, a fini turistici, di quello che era il complesso Enel di Polesine Camerini, dove troveranno lavoro 400 persone, ma anche a realtà industriali importanti già radicate nella nostra provincia, oltre al possibile arrivo di colossi come Amazon, da centinaia di posti. Occasioni da cogliere. Ma per farlo, bisogna dismettere un clima di rassegnazione che vedo diffondersi a ogni livello. Anche il Polesine può attivare processi virtuosi. L’importante è che qualcuno sia disposto a fare passi avanti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl