you reporter

Le feste polesane

Giacciano con Baruchella, sigoli e pigiatura: che festa!

Sagra del vino riuscita nonostante il maltempo, il presidente della Pro loco: “Grazie ai volontari”. E ora, appuntamento al 2019

Si è concluso, confermandosi un vero successo, uno degli appuntamenti più attesi del settembre polesano, che da quasi mezzo secolo si svolge a Giacciano con Baruchella. Nonostante il maltempo abbia provato a metterci lo zampino, è stata inaugurata sabato la 44esima Festa del Vino, durata sino a martedì 4 settembre.

Organizzata dalla Pro loco di Giacciano con Baruchella con il patrocinio dell’amministrazione comunale e della provincia, la festa verrà ha preso il via con l’apertura dello stand gastronomico, che è rimasto poi aperto per tutta la durata della kermesse, dove in moltissimi potranno gustare gli ottimi piatti della tradizione preparati magistralmente dai volontari.

Spaghetti del pescatore, bigoli all’anatra, risotto all’amarone, lasagne al forno, fritto misto di pesce, costate, musso con polenta, tagliata con rucola e scaglie di grana, grigliata mista di carne, brasola con manego, fasoi in potacin con cotiche e salsiccia, zuccotto, millefoglie, profiteroles e strudel della Pro loco. Il tutto ovviamente accompagnato da ottimo vino.
Per quanto riguarda le serate di ballo e spettacolo, i primi a salire sul palco avrebbero dovuto essere i ragazzi dell’Asd G&D Hope Dance e Musicallegria, ma purtroppo lo spettacolo è stato annullato a causa del maltempo.

Domenica, invece, è stata l’orchestra Guidastri ad intrattenere gli ospiti serali della manifestazione, mentre alle 17 in molti hanno potuto assistere all’attesissima pigiatura dell’uva a piedi nudi, con omaggio di “sigoli d’uva” a tutti i presenti allo stand. La festa è poi proseguita lunedì con Patty Fabbr i Band e si è conclusa martedì, ultimo giorno della manifestazione, quando a salire sul palco per l’ultima serata sono stati gli Orchidea Blu.

“Ci tengo a ringraziare tutti i volontari e i collaboratori che hanno fatto in modo che anche questa edizione si sia svolta nel migliore dei modi - afferma orgoglioso il presidente Pro loco Alberto Darù - un ringraziamento particolare lo voglio rivolgere anche alle ragazze che sono venute per la pigiatura, mantenendo la promessa fatta lo scorso anno - conclude Darù - l’appuntamento è per il prossimo anno”.  Una festa, quella del vino di Giacciano con Baruchella che affonda le proprie radici agli anni 70 e che dalla prima edizione ha sempre attirato nel comune altopolesano, migliaia di visitatori che, anno dopo anno, hanno sempre confermato l’ottima qualità della festa, della musica e della gastronomia proposta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl