you reporter

Porto Viro

“Minoranza senza alcuna sostanza”

Asfalti, centro “Luca Doni”, intersezione con la Romea (chiusa da lunedì) gli argomenti trattati

“Minoranza senza alcuna sostanza”

 “Noto con piacere come, dopo mesi e mesi di silenzio e inattività, si siano risvegliati consiglieri comunali che in questo nostro primo anno e mezzo di amministrazione, hanno quasi sempre disertato le sedute di consiglio”. Inizia così la replica del sindaco di Porto Viro, Maura Veronese, alle recenti critiche ricevute dall’intera minoranza. “Trovo sia senz’altro positivo che la minoranza si sia compattata in un’unica frangia di opposizione - prosegue Veronese - è sinceramente un peccato però che, anziché svolgere il proprio ruolo di critica costruttiva nella segnalazione di ciò che ritiene utile portare all’attenzione della amministrazione, perdano tempo in comunicati faziosi, pieni di inesattezze e bugie, ma soprattutto zeppi di offese anche personali a cui non intendo replicare”.

Siamo ‘in ritardo’ su tutto, secondo i solerti consiglieri di minoranza, e non è un problema ammettere che alcune delle tante ‘iniziative’ amministrative che abbiamo intrapreso in questo anno e mezzo non siano state tempestive - ricorda Veronese - è chiaro a chiunque abbia una minima esperienza di amministrazione che la bacchetta magica non ci sia, soprattutto quando si gestisce una struttura complessa e si deve sottostare a burocrazia, impedimenti di vario tipo, personale e tanto altro. Detto questo, in un anno e mezzo le cose che sono state portate a termine sono molte e non capisco perché questo dispiaccia ai consiglieri di minoranza che, anziché volere il bene della città sembrano godere delle mancanze che è inevitabile ci siano e che comunque cerchiamo di colmare”.

“La gara per il rifacimento di via Torino è stata aggiudicata ad agosto - elenca il sindaco parlando della questione asfalti - prima è stato necessario il lavoro di sistemazione della rete del gas. Anche stamani (ieri ndr) il confronto con la ditta aggiudicatrice ed è prossima l’apertura del cantiere. Non so cosa pensino i colleghi e mi stupisce che lamentino ‘un ritardo’. Nei loro ventisette mesi perché Thomas Giacon, Silvia Gennari e Ivano Vianello non avevano nemmeno pensato di riasfaltarla? E perché ora pretendono si concluda in quattro e quattr’otto? Fosse stato per me avrei fatto sì che l’asfaltatura avvenisse appena eletti. Le procedure tecniche, le gare e quant’altro hanno dettato i tempi. Verrà riasfaltata questa via importantissima a breve. Ed è un intervento che poteva essere svolto già da questi sapienti ex amministratori che ora lamentano il nostro ritardo. Come già ho detto dalla prossima settimana ci sarà l’aggiudicazione delle altre tre gare per il Piano asfalti in altrettante aree della città e quindi nei prossimi mesi si concluderanno anche queste riasfaltature”.

Sulla questione del centro “Luca Doni” la Veronese non ci sta: “Onestamente, quando ho letto citata la situazione del centro con l’accusa ironica di ritardo ho pensato fosse uno scherzo. Da tanti anni la questione del centro ‘Doni’ doveva essere affrontata e non è mai stato fatto da alcuno dei miei predecessori che credo non ci siano mai neppure entrati, tranne, ricordo, chi tra loro ci ha festeggiato un capodanno privato”. “Lo scorso anno abbiamo ripreso in mano la questione, non assolutamente facile, ottenuto persino un risarcimento assicurativo ed emesso un bando - spiega il sindaco - che, a proposito, suggerisco di leggere attentamente perché un aspirante consigliere autoproclamatosi coordinatore di Forza Italia, e credo in ‘squadra’ con la minoranza, ha assolutamente non compreso nei termini. Anche qui, nessuno dei precedessori si era mosso quando ne aveva occasione. Ma accusa noi di ritardo”.

“Non meno di due anni fa Giacon assurdamente mi riteneva responsabile dei tragici incidenti dovuti alla non chiusura dell’intersezione - ricorda la Veronese parlando della Romea - il perché, secondo lui, risiedeva nel fatto che quando Pupi (Gennari ndr) era sindaco ed io assessore alla cultura, l’intersezione non era stata chiusa. Pupi Geremia Gennari ora firma, con Giacon, un comunicato in cui ‘avrebbe preferito una soluzione alternativa alla chiusura’. Lo stesso Pupi che, nel 2006, si era impegnato con Anas ad emettere l’ordinanza, cosa mai fatta tanto che in tutti questi anni Anas ci ha sempre sollecitato a procedere con moniti e prescrizioni. Al di là di una incoerenza assoluta da parte di entrambi, ciò che mi preoccupa è il fatto che entrambi antepongano alla sicurezza dei cittadini la loro smania di potere e l’interesse politico”. “Personalmente, come ho spiegato ai cittadini che si lamentavano dell’ordinanza di chiusura, non ho alcun problema a tenere aperto l’accesso e a trovare soluzioni alternative - sottolinea il primo cittadino - ed è per questo il ‘ritardo’ nella chiusura, perché Anas ha chiesto di modificare un progetto e si sono vagliate altre possibilità. Ho persino accompagnato ad un incontro con Anas i cittadini e imprenditori interessati: ci è stato confermato però che l’intersezione deve essere chiusa e così accadrà dal 24 settembre”.

Concludendo, non ho problema alcuno con le critiche e neppure con la mancata approvazione social da parte di cittadini scontenti che magari ‘avrebbero preferito’ altro, come scrivono i consiglieri di minoranza - chiosa Veronese - in coscienza so che l’impegno profuso e la disponibilità è massima. Tante sono le iniziative portate avanti fino a oggi, molte altre quelle in essere. Quindi le nostre maniche sono rimboccate da un anno e mezzo e continueranno ad esserlo, anche se alla minoranza non pare”.

“L’opposizione faccia pure opposizione, come è normale che sia - conclude il sindaco - mi auguro però ci sia più ‘sostanza’ nei rilievi e nelle segnalazioni. Sembra a volte non abbiano davvero nulla da dire in fondo. E quindi il leggere di certi commenti è quasi divertente. Allo stesso tempo mi chiedo però, augurandomi non sia così, se magari qualcuno di loro abbia avuto un qualche ruolo nel diffondere false notizie come la situazione di prostituzione in un condominio della città, allarmismo che ha giustamente scomodato la prefettura. Su questo non potremo che approfondire chi sia stato a diffondere questa fake news perché è un fatto grave e indecoroso”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl