you reporter

Sanità

“L’ospedale di Adria non si tocca”

Il direttore generale dell’Ulss ospite della prima puntata de "La Vostra Voce" in radio commenta il Piano regionale: “Nessuna diminuzione di posti letto, neanche a Trecenta”.

“L’ospedale di Adria non si tocca”

Ieri mattina, in occasione della prima puntata de “La Vostra Voce”, in diretta su Delta radio dalla nostra redazione di Rovigo, è stato ospite il direttore generale dell’Ulss 5, Antonio Compostella, che ha affrontato il tema del futuro degli ospedali di Adria e Trecenta.

“Il futuro degli ospedali viene stabilito nel Piano socio sanitario regionale, che dà le indicazioni generali, a cui fanno seguito le schede ospedaliere he definiscono le fotografia futura di ogni singola struttura. Le nuove schede (che hanno validità triennale Ndr) usciranno fra ottobre e novembre, e dopo ci sarà tempo e modo per discuterne. Per quanto mi riguarda e a quello che mi è dato sapere la prospettiva è quella di non toccare gli ospedali. I nostri tre ospedali resteranno dunque con le caratteristiche di oggi, con Rovigo come fulcro e punto di riferimento, anche per le sue specializzazioni, Adria come spalla operativa e Trecenta come nodo integrativo al servizio dell’Alto Polesine”.

La domanda è scontata: verranno tagliati i posti letto? La risposta è chiara: “Io mi sento dire ‘no’, non verranno tagliati i posti letto. In un territorio come il Polesine, con le sue caratteristiche ed una popolazione anziana, è prima di tutto per le patologie croniche dell’area medica. Penso a medicina, geriatria, lungodegenza... che non saranno toccati in alcun modo. Ci saranno magari rimodulazioni nei posti letto dell’area chirurgica, ma solo in presenza di nuove tecniche... Sì, mi sento di garantire che i posti letto non saranno toccati”.

“L’ospedale di Rovigo è importante per tutta la sanità polesana, anche perché a Rovigo ci sono le specialità. Per quanto riguarda Adria, capisco il timore del territorio, ma è infondato. Adria presidia un territorio che ha caratteristiche peculiari, ed è fondamentale insieme alla struttura privata di Porto Viro. E lo stesso discorso vale per Trecenta, dove l’impegno è a salvaguardare l’area medica e a mantenere l’attività chirurgica anche a supporto di Adria e Rovigo e utilizzando anche a rotazione il personale medico degli altri ospedale”. E ancora: verranno tolti dei primariati? “Io sono fiducioso che non succederà”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl