you reporter

Giacciano con Baruchella

Lasciata a terra, anziana muore

Dopo aver trovato distesa sul pavimento l'anziana madre, l'ha accudita creando un giaciglio, ma non ha chiamato i soccorsi fino alla morte della donna.

Lasciata a terra, anziana muore

Dopo aver trovato la madre a terra, la figlia era rimasta con lei, sul pavimento, accudendola. Ma la donna, che ha quasi 60 anni, non aveva chiamato i soccorsi. L’anziana mamma malata, purtroppo, poi è morta. E ora la figlia è a giudizio con l’accusa di omissione di soccorso.

Secondo l’accusa, i fatti sarebbero successi a Giacciano con Baruchella nel settembre del 2016. In base al capo d’imputazione, la 60enne aveva trovato la madre, un’anziana sugli 80 anni (che era già gravemente ammalata), a terra nella camera da letto della propria abitazione e l’aveva lasciata distesa a terra sul pavimento sino alle 18 del giorno successivo a quello del ritrovamento.

In quell’arco di tempo, però non aveva chiesto i soccorsi, ovvero non aveva allertato il 118 per poter soccorrere l’anziana. Quest’ultima soffriva già di gravi problemi cardiaci e aveva grande difficoltà di deambulazione.

Proprio alle 18 del giorno successivo a quello in cui la figlia aveva trovato la madre a terra, l’anziana era deceduta a seguito di una massiva trombo embolia polmonare destra, a cui conseguiva insufficienza cardiaca acuta di tipo meccanico. Per l’accusa, però, la figlia ometteva di prestare all’anziana madre, che per il capo d’imputazione si trovava in situazione di pericolo per la propria vita, l’assistenza occorrente, in particolare mediante la tempestiva attivazione del servizio di assistenza territoriale.

Peraltro, una successiva perizia del medico legale, disposta dal pubblico ministero, accerterà che l’anziana aveva una malattia così grave che comunque non le avrebbe lasciato scampo: purtroppo sarebbe deceduta ugualmente. Quindi, secondo il medico legale, il fatto di essere rimasta a terra in quelle condizioni non sarebbe stata la causa del decesso. Peraltro, è emerso che la figlia l’aveva accudita, prestando ogni cura all’anziana madre mentre era a terra (le due vivevano insieme in quella casa), creando per lei praticamente un giaciglio, restando lì con lei, anche per lo stretto rapporto che le legava.

La prossima udienza è fissata per febbraio del 2019. La donna è difesa dall’avvocato Anna Osti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl