you reporter

Sicurezza

Sui ponti crepe e ferri arrugginiti

A Granzette preoccupazione per le condizioni del viadotto della A13 sull’Adige. Tanti i casi critici in Polesine, da Polesella a Ficarolo. Castelnovo Bariano, fessura da paura.

Non bastava la strada che perde pezzi sotto ai piedi. Ora c’è pure quella sopra la testa che desta preoccupazione. Non c’è pace tra Granzette e Concadirame: via Munerati, la strada che unisce le due frazioni, è chiusa ormai da oltre un mese. Tutto per una voragine, che ha consumato la strada da sotto. E che non si è ancora riusciti ad aggiustare.

Ma i problemi della strada non sono tutti qui. Più avanti, verso Concadirame, quando la strada cambia nome e da via Munerati diventa via Bassa, c’è un altro punto critico. Qui, secondo i residenti, il pericolo viene dall’alto: si tratta del ponte dell’autostrada, che scavalca in un colpo solo via Bassa e l’Adige per “atterrare” in terra padovana, tra Santa Maria d’Adige e Boara Pisani.

Nonostante sul viadotto siano stati eseguiti, anche di recente, lavori di sistemazione, la preoccupazione di chi qui ci abita, e qui sotto ci passa tutti i giorni, più volte al giorno, è alta. Perché dal cemento affiorano ormai i ferri, che hanno un poco rassicurante color ruggine. Una situazione che - seppur non mette a rischio la tenuta statica della struttura - non fa certo dormire sonni tranquilli.

E non è tutto: non sembra godere di ottima salute, infatti, nemmeno il ponte della A13 che attraversa il Po ad Occhiobello, immortalato poco più di un anno fa in un filmato che circola ancora sui social in cui si vede lo stato di deterioramento dei piloni.

Ma sono tanti, in Polesine, i ponti da tenere sott’occhio. Nell’estremo lembo occidentale della nostra provincia, è della settimana scorsa la decisione di limitare la velocità e ridurre la portata dei mezzi in transito sul ponte che unisce Castelnovo Bariano a Sermide, a causa di una fessurazione che dovrà essere controllata.

 Guardando il ponte che collega Ficarolo con Stellata di Bondeno, sui piloni si vedevano chiaramente spuntare i ferri delle armature del calcestruzzo, che non sono certo essere rassicuranti. Lo stesso sindaco Pigaiani aveva scattato foto per documentarne il problema e si era detto molto preoccupato della salute del ponte.

A preoccupare ancora di più sono poi le condizioni del ponte che attraversa il Po tra Polesella e Ro Ferrarese, che ultimamente ha visto un aumento importate del traffico pesante, per la chiusura per lavori del ponte di Santa Maria Maddalena. Proprio questo, appena sistemato, è l’unico fortunatamente a non destare preoccupazioni, anche se qualcuno si lamenta degli avvallamenti sul manto stradale, che i tecnici dicono essere causati da un naturale assestamento. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl