you reporter

Teatro comunale

“A teatro? Andremo a Cavarzere...”

Bellettato: “Dire che non ci sono soldi è solo una scusa, altri Comuni sono più capaci”

“A teatro? Andremo a Cavarzere...”

26/10/2018 - 21:09

Barbierato non dovrebbe far rima con teatro?provoca un’anziana signora mentre fa colazione in Galleria Braghin con altre due. “Fa tanto rima che siamo costrette a farci l’abbonamento per la stagione teatrale di Cavarzere”, replica un’altra. In questa battuta è riassunta tutta l’amarezza della città etrusca che si sente in qualche defraudata dell’“argenteria di famiglia” nel perdere la stagione teatrale del Comunale, da sempre vanto di Adria.

I tempi sono cambiati, non si può vivere sugli allori, così pure sono finiti i periodi di vacche grasse, ma Adria ha sempre saputo presentarsi con un programma all’altezza del suo nome, anche negli ultimi tempi. Oltretutto nel periodo di forzata chiusura del Comunale, opere e artisti di qualità sono stati ospitati al Politeama, prestigioso e valido surrogato. Pertanto non sarà facile per il sindaco civico far digerire agli adriesi la cancellazione della stagione e non si sa quando il sipario si alzerà.

Così l’ex consigliere delegata alla cultura Mara Belletato, alla quale Bobo aveva affidato la programmazione teatrale, ha buon gioco nel togliersi qualche sassolino. “Non possiamo dimenticare le reprimenda che l'attuale sindaco ci rivolse quando era in minoranza - afferma l’esponente di Forza Italia - rivendicando la necessità di una progettualità che metteva al centro della cultura adriese il teatro Comunale, chiamato pomposamente ‘Casa della cultura’, dove dovevano trovare sede le principali agenzie culturali cittadine e dislocandovi anche l'ufficio comunale che cura le manifestazioni teatrali. E adesso? Ci si rimangia tutto, trincerandosi dietro la scusa del ‘ci sono pochi soldi’. I soldi dedicati in prima battuta alla cultura e al teatro - attacca Bellettato - non sono mai stati molti da sempre, ma siamo sempre riusciti a portare spettacoli di livello internazionale, cercando fra le pieghe del bilancio somme non ancora impegnate, ma soprattutto collaborazioni fattive e positive con Arteven e sponsor privati”.

A questo punto Bellettato snocciola alcuni nomi di artisti arrivati in piazza Cavour negli ultimi anni e mostra come medaglie: Lorella Cuccarini, Leo Gullotta, Sebastiano Somma, Rocco Papaleo, Natalino Balasso, Marco Paolini, Silvio Orlando, Luigi De Filippo, solo per citare qualche nome. “Un teatro senza stagione di prosa e lirica - constata amaramente l’ex consigliera - porta per forza di cose a guardarsi intorno; già stanno arrivando le programmazioni di comuni limitrofi molto più piccoli di noi, però, gestiti da amministrazioni più capaci rispetto a quella adriese, hanno saputo trovare spazi e risorse per la cultura. Tutto il lavoro e l’impegno di questi ultimi 10 anni di governo di centrodestra per fidelizzare il pubblico con spettacoli di qualità e di spessore, si sta vanificando in un attimo. Ci stiamo facendo del male, anzi, questa amministrazione lo sta facendo a tutti i nostri cittadini, abbonati e non, che da sempre sostengono con la loro presenza assidua e qualificata la vita culturale della nostra amata città”. Intanto Cavarzere si appresta ad accogliere la coppia Massimo Lopez e Tullio Solenghi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl