you reporter

Lavori pubblici

Una rotatoria al lievito di costi

Servono più soldi per interventi nei sottoservizi e per un maggior numero di terreni da espropriare

Una rotatoria al lievito di costi

02/11/2018 - 19:41

Lievitano i costi per la rotatoria per Buso e Sarzano. Da 500mila euro a 700mila euro. Non c’è ancora una data per l’inizio dei lavori della rotatoria che dovrà mettere in sicurezza gli incroci da viale Tre martiri verso Sarzano e Buso, ma il costo per la realizzazione dell’opera aumenta già in maniera sensibile, questo a causa di un maggior numero di terreni che dovranno essere espropriati e di lavori nei sottoservizi che prima non erano stati calcolati.

Il rondò di viale Tre martiri è un’opera molto sentita dalla popolazione rodigina, necessaria soprattutto per la messa in sicurezza di un’area dove i due incroci ravvicinati hanno spesso creato problemi alla sicurezza stradale. E non pochi sono stati gli incidenti anche con feriti gravi.

Il nuovo piano dell’opera è stato approvato dalla giunta comunale nei giorni scorsi attraverso una variazione al bilancio che ora dovrà essere approvata dal consiglio comunale di Rovigo. Per l’opera inizialmente era stata prevista una copertura finanziaria di 517mila euro. La somma ora diventa di 734mila euro. Cifra che 258mila euro sarà erogata dalla Regione Veneto. 258mila euro arriveranno dal bilancio comunale, attraverso la destinazione dei proventi degli introiti derivanti dalle sanzioni per violazioni al codice della strada (le multe stradali). Inoltre 137mila euro saranno prelevati da riserve di Asm. Infine 80mila euro grazie ad ulteriori proventi da multe al codice della strada. nell’ultima ricognizione, infatti, la polizia locale di Rovigo ha spiegato che l’incasso legato alle sanzioni stradali è cresciuto di circa 200mila euro rispetto a quanto preventivato in sede di bilancio di previsione.

Per la rotatoria di Buso-Sarzano, i tempi di progettazione esecutiva e di apertura del cantiere non sono ancora stati definiti. Prima servirà il via libera del consiglio comunale, che sarà coordinato entro la fine di novembre. Quindi le varie procedure di esproprio. Poi l’ok.

La giunta Bergamin nei giorni scorsi aveva dato il disco verde anche ad altre variazioni al bilancio comunale, le più rilevanti erano l’assegnazione di 100mila euro alla manutenzione delle strade. E poi 20mila euro di contributo per l’Accademia dei Concordi. Infine somme per la segnaletica stradale e la manutenzione di edifici pubblici e scolastici. E poi 67mila euro per abbattere l’immobile della vecchia biglietteria di piazzale Di Vittorio. In tutto una manovrina da 372mila euro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl