you reporter

Allarme

Po, un fontanazzo che spaventa

E' a località Casine di Cavanella Po, un altro più piccolo segnalato verso Mazzorno Sinistro: intanto è allerta per l’arrivo della piena

Po, un fontanazzo che spaventa

Scatta l’allerta lungo gli argini del Po in vista dell’arrivo tra venerdì e sabato della terza piena, molto probabilmente la più insidiosa. Un campanello d’allarme è suonato a Cavanella Po, in località Casine, dove è stato individuato un fontanazzo di grande portata, proprio sul “dente” più basso dell’argine. Gli addetti alla manutenzione del grande fiume hanno provveduto a scavare una grande nicchia sull’argine per porre un bel quantitativo di sacchi di sabbia per tamponare l’afflusso della acqua.

Tuttavia il fatto che il fontanazzo sia “scoppiato” proprio sull’argine alimenta non poche preoccupazioni, proprio in vista della grande piena, anche se fino a ieri sera la situazione era tranquillamente sotto controllo. L’area è stata messa sotto controllo e delimitata dal nastro biancorosso per impedire l’accesso: il tutto a poche decine di metri dalle abitazioni. Un altro fontanazzo è stato segnalato a metà strada tra Cavanella Po e Mazzorno Sinistro, ma al momento non sembra destare preoccupazione al punto che l’area non è stata delimitata.

Nella giornata di giovedì, nel tratto di fiume in territorio adriese tra Bottrighe e Cavanella Po, l’acqua del grande fiume scorreva abbastanza veloce segno che il mare riceveva bene e questo è senza dubbio il più importante segnale positivo. Tuttavia molte golene sono allegate, anche se il livello del fiume sta calando rispetto a qualche giorno fa: infatti la casa situata in golena, nella zona di Bottrighe, ieri era all’asciutto. A destare preoccupazione tra la popolazione rivierasca sono i grandi isolotti sotto il ponte Brigata Cremona: le acque hanno interamente sommerso la parte dell’isolotto a ovest del ponte, mentre la parte più vasta, a est, per un tratto emerge ancora dalle acque, soprattutto viene localizzata per la folta vegetazione arborea.

Intanto una nota diramata da Palazzo Tassoni da alcuni giorni fa sapere che “a seguito del previsto incremento dei livelli idrometrici del Po, i volontari del gruppo comunale volontari di protezione civile sono in pattugliamento per le attività di monitoraggio notturno delle arginature”. Le comunicazioni ufficiali dell’amministrazione comunale sulla situazione in tempo reale vengono diramate sul profilo Facebook Comune di Adria.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl