you reporter

VILLAMARZANA

I fedeli si scagliano contro il vescovo

Parole forti nella lettera: “Declassati e senza un punto di riferimento”. La comunità non accetta il trasferimento di don Antonio Rossi e attacca Pierantonio Pavanello

Incontro Vescovo Pierantonio Pavanello Edoardo Gaf

Incontro Vesco Pierantonio Pavanello Roberto Tovo

14/11/2018 - 19:47

I fedeli di Villamarzana e Gognano attaccano la curia, con una lettera inviata alla redazione de "La Voce di Rovigo". “Ci rivolgiamo a voi per inviare una lettera a sua eccellenza il vescovo Pier Antonio Pavanello, dato che finora i nostri messaggi sono stati cestinati, speriamo che questa lettera a cuore aperto arrivi a destinazione - dicono i parrocchiani - scriviamo in merito al trasferimento del nostro parroco don Antonio Rossi, le chiediamo se non ha mai avuto sensi di colpa per avere gettato un’intera comunità nella disperazione e nel caos più totale” queste le dure parole nella missiva.

Aggiungono i fedeli: “Noi la ringraziamo per aver mandato don Daniele, ma non è questo il punto. Il vero problema e che non abbiamo più un punto di riferimento, la gente è sconsolata, non trova più stimoli, lei a Lusia ha declassato le nostre comunità trattandoci come gli ultimi”.

E’ evidente l’amarezza della parrocchia: “In dieci anni sono passati ben cinque parroci, i fedeli sono smarriti e delusi, non abbiamo più un sacerdote che ci guidi, che faccia da traino. Abbiamo degli anziani ammalati che aspettavano con ansia che il loro parroco andasse a far visita loro, anche solo per una parola di conforto. Ora ci sono i ministri straordinari, ma non possono confessare o dare una benedizione. Avevamo un gruppo di catechiste che ora si e dimezzato proprio perché manca una guida, un gruppo di ragazzi che stava preparando il presepe in chiesa, ma è stato detto che non serve più a niente”.

La comunità sembra davvero scoraggiata, si legge sempre nella lettera: “Nella nostra chiesa manca l’entusiasmo, noi abbiamo bisogno di un parroco che sia in paese e abiti nella canonica. Lei ci ha tolto ingiustamente tutto questo. Ma noi ci chiediamo: se ogni volta che un sacerdote viene a mancare in una parrocchia c’è bisogno di tutto questo trambusto?”

Un altro affondo dei fedeli a Pierantonio: “Caro vescovo, la nostra parrocchia sta morendo e la colpa è solo sua. Se ne faccia una ragione, lei ci ha tolto la serenità e la speranza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl