you reporter

Plateatici

“Non siamo stati coinvolti”

Ceccato: “Chiesto un incontro al Comune. Sbagliato cambiare le carte in tavola”

“Non siamo stati coinvolti”

16/11/2018 - 16:44

“Sulla revisione delle norme sui plateatici non siamo stati coinvolti. E per fare chiarezza abbiamo chiesto un incontro urgente con l’amministrazione comunale”. Sono parole del presidente di Confesercenti Vittorio Ceccato, che dimostra come all’associazione di categoria siano rimasti tutti spiazzati dall’annuncio fatto dall’assessore al commercio Luigi Paulon sulla possibilità di rivedere alcuni punti del regolamento sui plateatici. Punti che sono all’esame dei settori del commercio e dell’urbanistica e che secondo molti gestori di bar e locali sono in grado di cambiare le carte in tavola, alcuni di loro hanno già esternato malumori e proteste.

“Il fatto è - continua Ceccato - che di questa proposta di cambiamenti noi non se ne sappiamo niente. E non è certo bello esserne venuti a conoscenza così, all’improvviso. Non c’è stata alcuna condivisione, e non mi pare un buon modo di procedere”. Secondo il numero uno di Confesercenti “il regolamento era stato definito pochi mesi fa, e i gestori di bar e locali si erano adeguati alla normativa. Ovvio che ora ci si trovi spiazzati. Questo significa che chi ha fatto investimenti e acquistato ombrelloni e arredi esterni avrebbe potuto fare delle scelte diverse. Chi porta avanti un’attività, un locale, deve avere certezze, deve poter programmare, se si cambiano le carte in tavola ogni 4 mesi si ritrova in difficoltà. Di questo passo si creano solo disagi e difficoltà”.

Detto del metodo Ceccato interviene sul merito: “Da quel che ho capito potrebbe essere rivista la parte del regolamento relativa ai plateatici stabili. Mentre la norma attuale parla solo di ombrelloni e non di strutture quasi fisse. Osservazioni che sono condivisibili, sensate. Ma perché tirarle fuori adesso? Non ci si poteva pensare qualche mese fa, prima di spingere molti gestori a sostenere spese per l’acquisto di ombrelloni? Rivedere una norma così importante a pochi mesi dalla sua entrata in vigore ci sembra una cosa poco opportuna, fuori tempo. Per capire bene come stanno le cose attendiamo il confronto con gli assessori interessati da questa norma. Ci pare anche di aver capito che si tratta di una proposta, vedremo. Di sicuro l’argomento va affrontato e chiarito in fretta perché sta creando sconcerto fra gli operatori”.

Sono molti, infatti i baristi che hanno lamentato la poca chiarezza nel codificare un tema che da anni spinge i gestori a investire risorse per adeguarsi ad una normativa che, a quanto pare, non ha ancora trovato una sua stabilità.

Ci sono, inoltre, anche altri aspetti sotto l’esame della possibile revisione, legate soprattutto ad alcuni dettagli tecnici su arredi e procedure e alla possibilità dei locali di allargarsi, in occasione di eventi particolari, sui liston delle piazze, occupandoli così con sedie e tavolini.

Il regolamento sui plateatici era stato messo a punto nei mesi scorsi dopo che per anni si era andati avanti con continue deroghe e proroghe. Il regolamento è stato approvato dalla Soprintendenza ai beni paesaggistici di Verona, ed anche eventuali modifiche dovranno ottenere il via libera dalla città scaligera.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl