you reporter

Costume

“Coi bar sparisce il nostro mondo”

Polesani sempre meno affezionati all'osteria. E Sparapan ricorda: “Erano luogo di discussioni accese. Con 20 lire si beveva, poi tutti cantavano”.

“Coi bar sparisce il nostro mondo”

20/11/2018 - 18:22

I polesani non vanno più al bar. O almeno, non spendono più qui i loro soldi. “La gente ormai è pigra, non vuole muoversi da avanti alla televisione. Non parla, più non discute più, non sta più con gli altri. Ma così si perde la nostra tradizione”. Il professor Gianni Sparapan, profondo conoscitore delle radici dei polesani, commenta così la classifica, elaborata da ItaliaOggi, che ci vede al decimo posto in Italia tra quelli che frequentano meno il bancone del bar.

“Rispetto ad una volta è cambiato tutto. Un tempo - ricorda Sparapan - i bar, anzi, le osterie erano il centro della vita, nei tanti piccoli paesi di cui è fatta la nostra provincia, ma anche in città. Anzi, l’unico centro di ritrovo, assieme alla chiesa. Il cinema è arrivato solo più tardi. E di osterie ce n’erano ovunque, e tutto piene. Oggi non è più così, e mi dispiace per i nostri ragazzi, che in questo modo perdono molto”.

La vita di osteria era animata. “Si parlava spesso di politica. Anzi: solo di politica. L’osteria - continua Sparapan - era un posto di discussioni accese. Non come adesso che si parla solo di balon. E poi si giocava a carte d’inverno, e alle bocce, fuori, d’estate. Il biliardo non era ancora di moda: costava troppi soldi, gli osti non se lo potevano permettere. Adesso invece la gente si rovina con i videopoker. Non c’è più l’atmosfera di allora”.

All’osteria, poi, “ci andavano gli uomini. Tutti gli uomini, nessuno escluso. Le donne, invece, mai. E si cantava, si cantava sempre. E quando non si cantava c’era sempre qualcuno che fischiettava: oggi ditemi voi chi canta o subiòla più! Anche quanto si prendeva una ciucca - e succedeva, eccome se succedeva - era una festa. Oggi non vedo più gioia nemmeno nell’ubriacarsi. Si è persa tutta la poesia”.

Il servizio completo sulla Voce in edicola mercoledì 21 novembre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl