you reporter

Provincia

Il Polesine si colora di arancione

Anche palazzo Celio aderisce al progetto “Un Women orange the world 2018”. Tante le iniziative in vista del 25 novembre giornata contro la violenza sulle donne.

Il Polesine si colora di arancione

21/11/2018 - 19:52

Palazzo Celio di colore arancione contro la violenza delle donne. Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e molte sono le iniziative che la Provincia di Rovigo, i Comuni e le associazioni hanno organizzato per l’occasione.

La Provincia aderisce, inoltre, al progetto Un Women “Orange the world 2018” in collaborazione con Soroptimist club di Rovigo e illuminerà di arancione, colore indicato dall’Onu come simbolo della lotta alla violenza sulle donne in quanto colore della speranza, la facciata dell’ente dal 25 novembre al 10 dicembre.

Lo comunica la presidente della commissione provinciale pari opportunità, organismo che anche quest’anno ne ha curato la raccolta in un calendario, Raffaela Salmaso, che ricorda come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne sia stata istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel 17 dicembre 1999. Con l’istituzione l’Onu si è posta l’obiettivo di sensibilizzare sull’argomento dando, in contemporanea, supporto alle donne e alle bambine vittime di violenza fisica e psicologica partendo dall’assunto che la violenza contro le donne sia una violazione dei diritti umani. Tale violazione è una conseguenza della discriminazione contro le donne, dal punto di vista legale e pratico, e delle persistenti disuguaglianze tra uomo e donna.

La violenza contro le donne, afferma ancora l’Onu, influisce negativamente e rappresenta un grave ostacolo nell’ottenimento di obiettivi cruciali quali l’eliminazione della povertà, la lotta all’Hiv/Aids e il rafforzamento della pace e della sicurezza.

In Italia da circa 15 anni viene celebrata questa giornata, inizialmente solo dai centri antiviolenza e delle Case delle donne sparse in tutto il Paese, poi anche dalle istituzioni nazionali e locali. La data del 25 novembre è stata scelta in ricordo dell’uccisione delle sorelle Mirabal, avvenuta nel 1960 a Santo Domingo. Patria, Minerva e María Teresa Mirabal all’epoca erano delle attiviste del “Movimento 14 giugno”, un gruppo politico clandestino dominicano che si opponeva alla dittatura del regime di Rafael Leónidas Trujillo. Il 25 novembre 1960 le donne furono torturate, bastonate e strangolate dai militari di Trujillo, motivo per cui molti cominciarono a ribellarsi al regime fino alla sua caduta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl