you reporter

Il resoconto

Cronaca di un mese di successi

Gli organizzatori: “Città segreta va in archivio con numeri al di sopra delle nostre più rosee aspettative”. E La Voce è stata media partner.

Cronaca di un mese di successi

26/11/2018 - 19:36

 Con l’ultimo appuntamento, un’appassionante caccia al tesoro, “Città segreta” è andato in archivio facendo registrare un successo “che è andato oltre le nostre più rosee previsioni”, come racconta il presidente della Pro loco di Rovigo, Marco Bressanin.

Appuntamenti sempre sold out, il libro di Giorgia Businaro e Giovanna Pizzo, distribuito con La Voce, andato esaurito in poche ore. E a ciò che ha colpito di più, un clima di interesse attorno a tutti gli eventi che ha messo in risalto la grande voglia di conoscere la città da parte dei rodigini, in prima battuta, ma non solo.

“Certo, noi ci credevamo fin dal primo momento in cui, grazie anche alla collaborazione della Voce, abbiamo iniziato a stendere il progetto”, prosegue Bressanin. “E la risposta, lo ripeto, è andata oltre le nostre aspettative. E’ il segno che a Rovigo, quando si scelgono temi e argomenti giusti, si può lavorare bene sui temi culturali, e che questa è una strada che dovremo continuare a seguire”.

“Devo poi aggiungere - conclude il presidente della Pro loco - che attorno a questo progetto si è creato un gran bel gruppo di lavoro, e sono sicuro che in futuro metteremo in cantiere altre iniziative. E non solo. Il successo di ‘Città segreta’ ha segnato anche un’altra novità: abbiamo sperimentato la possibilità di sostenere gli eventi anche al di là dei pur indispensabili contributi economici”.

Ognuno ha fatto la sua parte, e i risultati sono nei numeri. “Parliamo di 350 paganti alle nostre visite guidate, un numero al quale dovremmo aggiungere i tanti ‘no’ che siamo stati costretti a dire. Un’affluenza di pubblico davvero importante, che ci ha portato anche ad organizzare per due volte il doppio turno, il 10 e il 17 novembre. E tutte e due le volte con un lusinghiero sold out”, precisa Silvia Paluga, di Pop Out che ha organizzato le visite e gli spettacoli.

A dare il via ufficiale a “Città segreta” - evento che è stato inserito anche dalla Regione nel calendario delle manifestazione di novembre, il “mese del mistero” - era stata la distribuzione gratuita in edicola, insieme alla Voce, della terza ristampa del libro omonimo di Giorgia Businaro e Giovana Pizzo, realizzato nell’ambito del bando “Culturalmente”, finanziato dalla Fondazione Cariparo.

“Forse è il segno che, una volta trovata la formula giusta, Rovigo reagisce positivamente. In questo caso l’argomento (il mistero legato alla storia ma anche alla riscoperta dei luoghi della città) ha colpito trasversalmente tutte le generazioni”, raccontano Giorgia Businaro e Giovanna Pizzo.

“Il tutto - concludono le autrici del libro - è stato accompagnato dall’impegno di un gruppo di lavoro fatto di persone che prima non si conoscevano e che sono riuscite ad amalgamarsi e a mettere in campo in poco tempo un progetto che ha dimostrato di poter funzionare. Non solo, questo progetto è stata probabilmente la cartina di tornasole che la valorizzazione della città e della sua storia sono argomenti capaci di interessare e di coinvolgere. Un grazie va alla Fondazione Cariparo che ha sostenuto il nostro progetto fin dal primo momento”.

Intanto il libro “Città segreta” continua a vivere di vita propria. “Venerdì 30 lo presenteremo alla Galleria d’arte di Miranda Greggio, in via Mazzini. Poi da gennaio a maggio avremo appuntamenti e incontri nelle scuole”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl