you reporter

Economia

Il lavoro non c’è? Ce lo inventiamo

In Polesine record di disoccupazione rosa e giovanile: e loro diventano imprenditori.

Il lavoro non c’è? Ce lo inventiamo

29/11/2018 - 19:41

Abbiamo il record di imprese femminili, giovanili, e di start up innovative. Ma siamo anche la provincia con il minor tasso d’occupazione del Veneto, e la più alta incidenza di disoccupazione giovanile.

E’ agrodolce la fotografia del Polesine che emerge dal primo report regionale su economia, imprese e territori elaborato dall’osservatorio Sintesi di Unioncamere e presentato ieri in collaborazione con la Camera di Commercio di Venezia Rovigo.

Dall’analisi dei dati su base polesana emergono soprattutto due criticità: il tasso di occupazione e il Pil pro capite, in Polesine, sono i più bassi del Veneto. Nel dettaglio, abbiamo perso ben 169 posizioni, rispetto al 2007, nella classifica della ricchezza a livello europeo. Una graduatoria che ci vede occupare la posizione numero 748, decisamente lontano dalle altre sette province venete, che si collocano tra la 406esima posizione di Padova e la 493esima di Venezia.

Un aspetto legato a doppio filo con l’occupazione: il Polesine ha un doppio primato negativo, a livello regionale. Ovvero, siamo ultimi sia per tasso di occupazione maschile (73,2%, contro il 74,9% della media veneta), e che femminile (51%, a fronte di una media regionale del 57,1%). In ogni caso: entrambi i dati sono superiori alla media italiana che si colloca, rispettivamente, al 67,1% e al 48,9%.

 Chi soffre di più, però, sono i giovani. I ragazzi tra i 15 e i 24 anni in Polesine fanno più fatica a trovare lavoro che nel resto d’Italia: i disoccupati, in questa fascia d’età, sono il 35,6%, a fronte di una media nazionale del 34,7% e di una media veneta del 20,9%. Nella vicina Venezia, i pari età disoccupati sono soltanto l’8,3%.

Ma non ci sono solo cattive notizie, nel rapporto sullo stato della nostra economia. In Polesine si registra il record di imprese femminili e giovanili: segno che chi fa fatica a trovare lavoro si mette in gioco, e decide - con intraprendenza - di provare a mettersi in proprio. Le imprese rosa, tra Adige e Po, pesano il 23,8% dell’economia, mentre quelle “under” valgono l’8,6%. La media veneta è, rispettivamente, del 19,8% e del 7,6%. Anche per questo, da noi c’è un alto numero di start up innovative: sono 31,4 ogni 10mila abitanti, contro le 23,4 di Padova (seconda in Veneto e le 8,3 di Belluno (ultima).

Il servizio completo e tutti i dati sulla Voce in edicola venerdì 30 novembre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl