you reporter

Comune

Tesoro resta alla guida dei vigili

Ora spetta al sindaco decidere se mantenere il capo della polizia locale nel suo ruolo

Tesoro resta alla guida dei vigili

17/12/2018 - 20:11

Giovanni Tesoro resta al suo posto alla guida della polizia locale. Almeno per il tribunale di Rovigo. Per il Comune, invece, occorre attendere le decisioni del sindaco Massimo Bergamin che ieri ha ribadito che prima di commentare e prendere qualsiasi decisione attende di “vedere le carte”.

Per il momento, quindi, il comandante dei vigili urbani rimane in sella al suo ruolo. Il gip Silvia Varotto ha respinto la richiesta del pubblico ministero, Carmelo Ruberto che aveva chiesto la sospensione dal ruolo per Tesoro. Il giudice per le indagini preliminari, che venerdì scorso ha rinviato a giudizio Tesoro con l’accusa di peculato, ha ritenuto che non sussiste incompatibilità tra la condizione di rinviato a giudizio, in questo caso, e il ruolo di comandante della polizia locale di Rovigo. Niente rimozione decisa dal palazzo di giustizia.

La decisione del gip è stata adottata lo scorso venerdì. E infatti nei giorni seguenti, ed anche ieri, il comandante dei vigili ha svolto normalmente le sue funzioni. Ieri mattina si è anche incontrato con il sindaco nel suo ufficio.

La sua permanenza ai vertici del settore, però, ora deve superare un altro scoglio, quello dell’amministrazione comunale che dovrà decidere in base alla legge anticorruzione. Secondo un’interpretazione la norma prevede che in caso di rinvio a giudizio un dirigente dell’amministrazione pubblica (in questo caso comandante della polizia locale) non possa rimanere al suo posto. Un’altra interpretazione, invece, sostiene che una simile decisione possa arrivare solo dopo una sentenza di condanna.

In ogni caso spetta al sindaco decidere se confermare Tesoro o rimuoverlo. Il provvedimento può essere proposto dal segretario generale del Comune, spetta però al sindaco mettere la firma sull’atto.

ancora pochi giorni, quindi, e si conoscerà il destino di Giovanni tesoro. Nei mesi scorsi già una volta il segretario generale aveva proposto la rimozione dall’incarico del capo della polizia locale, la proposta era però stata respinta dal primo cittadino che, in quell’occasione, aveva confermato piene fiducia a Tesoro.

Il numero uno dei vigili urbani è stato rinviato a giudizio con l’accusa di peculato per aver utilizzato a fini privati l’auto di servizio e il telefono di servizio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl