you reporter

Dopo il referendum

Cna avvisa: “Fusioni inevitabili e ora verranno decise dall’alto”

Il presidente David Gazzieri: “Forse non sono state spiegate bene le ragioni del sì. Adesso però c’è il rischio che le aggregazioni vengano fatte anche senza consenso”.

Cna avvisa: “Fusioni inevitabili e ora verranno decise dall’alto”

Fusioni addio. Il “no” di Frassinelle congela gli animi: e anche chi (leggasi alla voce Occhiobello-Canaro e dintorni) aveva iniziato a ragionare di una grande aggregazione ora fa un passo indietro.

Il “no” dei cittadini, risuonato domenica notte a Frassinelle, fa troppa paura. “Non si smuoverà più niente - concorda il presidente provinciale della Cna David Gazzieri, scuotendo la testa - ma attenzione: la gente non capisce che questi processi sono ormai inevitabili. Presto o tardi saranno fatti comunque, con il loro consenso o senza, e decretati dall’alto. A quel punito, però, non ci saranno le agevolazioni economiche che si potevano ottenere adesso”.

Le associazioni di categoria guardano con preoccupazione al fallimento del referendum per la fusione nel cuore del Polesine, il secondo dopo il flop di Civitanova. Cna, in particolare, è da sempre in prima linea nel sostenere le aggregazioni.

Per Gazzieri, comunque, la stagione delle fusioni non è finita. “Spero ci sia ancora spazio per le aggregazioni. Resto un ottimista, e confido che ci sia ancora la voglia e l’idea di raggrupparsi. Certo visiti i risultati delle urne sarà sempre più difficile”. E ipotizzare nuovi referendum, ora, sembra davvero utopia.

Il servizio completo sulla Voce in edicola mercoledì 19 dicembre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl