you reporter

Scuola senza presepe

“Dirigenti e prof senza coscienza storica”

Avezzù: “Festeggiare il Natale senza simboli tradizionali è una cavolata pazzesca”

“Dirigenti e prof senza coscienza storica”

22/12/2018 - 17:38

“Una cavolata pazzesca. Paolo Avezzù, presidente del consiglio comunale bolla con un’espressione fantozziana la scelta della scuola materna della Tassina di festeggiare il Natale con un recita senza riferimenti al Natale cristiano. Come e il Natale si festeggiasse per chissà quale evento o ricorrenza. Come se il nome Natale non si riferisse alla nascita, appunto, di Gesù.

La scelta del dirigente scolastico Fabio Cusin, contestata da molti, però si ripete ormai da qualche anno. Non è una novità, insomma, eppure pochi giorni fa ha sollevato proteste e lamentele. A tutti i livelli perché contro la decisione del preside hanno tuonato l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan, il sindaco di Rovigo e tanti altri esponenti politici. La scelta era quella di festeggiare il Natale con recite e canti natalizi, ma assolutamente laici, senza simboli legati alla cristianità, quelli, in in pratica, per cui è nata la ricorrenza del Natale.

A queste critiche si aggiunge anche quella di Paolo Avezzù che definisce la decisione della dirigenza della scuola materna Tassina, di via Vittorio Veneto (e non della scuola primaria come era stato erroneamente riportato): “una boiata pazzesca”, la stessa frase che Fantozzi aveva riservato al film d’essai che il mega direttore del secondo film della saga fantozziana, voleva propinare ai dipendenti. Avezzù argomenta: “A cosa serve limitare i festeggiamenti del Natale? A cosa serve vietare i simboli del Natale e il presepe? ma questo dirigente scolastico ha studiato la storia? I 30 docenti del liceo che hanno apprezzato l’esclusione del vescovo dalla scuola di Porto Tolle conoscono le cose?”. Il presidente del consiglio insiste: “Recentemente sono stato In Israele. Durante una visita una guida palestinese ha detto che spesso noi europei ci facciamo prendere da inutili paturnie riguardo al presepe, pensando che l’allestimento della natività possa urtare la suscettibilità di bambini islamici. Basterebbe, invece, ricordare che tutti i personaggi del presepe sono palestinesi. I pastori, la stessa sacra famiglia sono tutti originari della Palestina”. Insomma il dirigente scolastico della materna della Tassina, Fabio Cusin, finisce nel mirino delle polemiche e delle critiche.

E ieri contro la scelta della materna di via Vittorio Veneto è scesa in campo anche Forza Nuova. I militanti della formazione di destra però si sono dimostrati maldestri ed hanno appeso cartelli di protesta nella scuola sbagliata.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl