you reporter

Ulss 5

Crisi di medici, "presto concorsi"

l direttore sanitario Contato sui tempi d’attesa: “Psichiatria e oculistica sono in sofferenza”

Crisi di medici, "presto concorsi"

29/12/2018 - 20:03

La sanità polesana ha il fiatone. I problemi principali riguardano almeno quattro reparti, arrivano altre segnalazioni dai cittadini. I tempi d’attesa si dilatano e c’è chi è costretto anche ad attendere cinque mesi, nel pubblico, per prenotare una prestazione sanitaria.  Anno nuovo, vita nuova, recita il proverbio. E chissà che il 2019 cominci sotto la buona stella, visto che presto ci saranno nuovi concorsi per medici, per rafforzare organici indeboliti negli ultimi anni. L’Ulss 5, allora, pensa alle contromisure da adottare, per rinfoltire i ranghi in maggiore sofferenza. Il direttore sanitario Edgardo Contato ammette: “Oculistica e psichiatria sono i reparti che, più di altri, stanno attraversando un momento di difficoltà. Le criticità interessano oculistica, perché mancano professionisti e ora stiamo lavorando proprio in questa direzione”.

Ma il 2018 dell’Ulss 5 non è tutto da buttare: “Sulle tempistiche, in generale, rispettiamo le indicazioni tracciate della Regione Veneto - afferma Contato - poi è chiaro che su centinaia di migliaia di visite all’anno può capitare qualche disguido”. Il reparto di pneumologia regge, anche se faticando: “Ci sono delle difficoltà estreme - considera il direttore sanitario - ma stiamo garantendo una novantina di visite, esaurite fin dal 1 gennaio. Stiamo superando questo momento con enormi difficoltà - spiega Contato - ci sono diversi fattori da analizzare, tanti concorsi sono andati deserti e si ripiega magari sul personale Sai, poi con il dottor Chiaretti abbiamo stipulato un contratto a libera professione”.

Anche radiologia lentamente intravede segnali di ripresa: “A breve partirà un nuovo concorso - assicura Contato - è già stata nominata la commssione esaminatrice e da una vecchia graduatoria abbiamo pescato una dottoressa da Ferrara, che arriverà nei prossimi gironi”. Capitolo psichiatria, qui si tocca un tasto dolente. Il direttore sanitario rivela: “Non riusciamo ad assumere, siamo senza specialisti, ci sono pochissime persone in giro con questa qualifica. Abbiamo già operato interventi organizzativi su Trecenta per nuovi accorpamenti. Psichiatria, su un’ipotetica graduatoria di criticità, è sicuramente in cima”. Il quadro generale migliora invece per quanto riguarda neuro-psichiatria dell’Ulss 5, con due dottoresse fresche d’incarico, utilizzando la graduatoria di un concorso a Ferrara.

Sull’argomento sanità, interviene anche Guglielmo Brusco: “Nel saluto di fine anno, il dottor Compostella ha evidenziato dati preoccupanti relativi all’attuale pianta organica dell’Ulss 5. Già il 23 dicembre 2008, io informavo istituzioni e cittadini che, nella pianta organica di allora, mancavano tra gli altri 57 medici, 5 veterinari, 8 dirigenti sanitari, 46 infermieri, 14 tecnici sanitari tra cui 9 tecnici di laboratorio, 9 tecnici della riabilitazione tra cui 5 fisioterapisti, 22 operatori tecnici tra i quali 9 operatori socio-sanitari e 25 amministrativi - ricorda l’esponente di Rifondazione Comunista - raccomandavo numerose assunzioni di personale, per migliorare le condizioni di lavoro, la sicurezza e la qualità dei servizi e i tempi delle liste d’attesa Asl 18. Ma i dati forniti dal sottoscritto non sono serviti per stimolare amministratori comunali, provinciali e regionali alla soluzione dei problemi, speriamo ora siano presi in considerazione. Sono numeri che svelano come la Lega, a livello locale, regionale e nazionale, sia tra i maggiori responsabili del disastro sanitario”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl