you reporter

L'operazione

Salvo il sistema polesano dei rifiuti

Firmata la cessione dei beni da Rsu a Ecoambiente. Venerdì i sì di Pontecchio e Salara

Salvo il sistema polesano dei rifiuti

29/12/2018 - 18:36

Accordo all’ultimo respiro per salvare il sistema polesano dei rifiuti. Ieri è stato firmato il rogito notarile per il conferimento dei beni dal Consorzio rifiuti Rsu ad Ecoambiente.

“Una giornata importante e gioiosa - ha commentato Ivano Gibin, amministratore delegato di Ecoambiente - adesso comincia una nuova frontiera per la società. Che ora potrà gestire il ciclo integrale dei rifiuti in Polesine con beni di proprietà e non in affidamento come è avvenuto fino ad ora”.

Un’operazione, al netto di passività, rapporti giuridici di dare e avere, di circa 7 milioni di euro. La firma ieri mattina è stata messa nero su bianco poche ore dopo il voto degli ultimi due Comuni polesani. Salara e Pontecchio hanno dato il via libera all’operazione nei consigli comunali di venerdì scorso. Mancavano solo questi due Comuni, che dopo settimane di polemiche, riunioni in prefettura, approfondimenti e rinvii si sono convinti a non far naufragare il sistema polesano della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Perché il rischio era proprio questo, senza il conferimento Ecoambiente sarebbe stata meno “forte”, con meno patrimonio, e quindi in difficoltà per ottenere la gestione della raccolta dei rifiuti a lungo termine. E, a cascata, sarebbe andata in crisi l’azienda stessa, e quindi il personale.

Invece dal prossimo gennaio il Consorzio rifiuti rsu, presieduto dal commissario liquidatore Pierluigi Tugnolo, cesserà di esistere. Molti beni del consorzio passano ad Ecoambiente, dal separatore di Sarzano agli ecocentri, da macchinari, impianti e strumentazioni alla discarica di Taglietto 1, da Polaris a porzioni di terreno. E nei prossimi mesi anche la discarica Taglietto 0 dovrebbe essere ceduta, dato che attualmente le vasche sono ancora di proprietà della Daneco.

Nelle scorse settimane l’approvazione dell’operazione di conferimento dei beni ad Ecoambiente aveva ottenuto il disco verde dagli altri Comuni polesani. Restavano solo Pontecchio e Salara. Poi lo sblocco dello stallo con due vertici in prefettura. Infine l’ok dei consigli comunali di venerdì sera.

Nei prossimi mesi l’obiettivo di Ecoambiente è ottenere, dal Consiglio di bacino rifiuti, l’affidamento della gestione della raccolta e smaltimento per parecchi anni. Grazie a questa operazione aumenta anche la capacità della società presieduta da Alessandro Palli, di ottenere finanziamenti dal sistema creditizio. Salvo clamorose azioni ora la guerra polesana dei rifiuti, che per anni ha spaccato politica e Comuni, può davvero dichiararsi conclusa.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl