you reporter

ARQUA’ POLESINE

Distruggeva tutto in casa condannato a due anni

Un 51enne condannato a due anni per i maltrattamenti in famiglia a moglie e figli minori

51672

Maltrattamenti

 Le vessazioni erano continue, anche davanti ai due figli minori. Le urla, le bestemmie e i lanci di oggetti, terrorizzavano un’intera famiglia. E’ stato condannato a due anni e a risarcire l’ex moglie di 10mila euro, un uomo di Arquà Polesine - G. B le sue iniziali, di 51 anni - che in casa teneva un comportamento che definire violento è poco. In un caso aveva distrutto un letto matrimoniale in legno massiccio, davanti al figlioletto, sollevandolo e scagliandolo a terra e facendo pure un buco sul parquet.

Aveva anche distrutto la porta della camera da letto della figlia, mentre inveiva con parolacce e la minacciava dicendole che doveva stare calma altrimenti era finita per lei”.

Le minacce erano all’ordine del giorno: che non se ne sarebbe andato mai di casa, che l’avrebbe incendiata perché era sua.

L’ex moglie, rappresentata in aula dall’avvocato Laura Giolo - era soggiogata e perennemente in soggezione e preoccupata per la sua incolumità e dei suoi figli. I fatti sono avvenuti fino al 2014, finché la donna non ha denunciato il marito ed è partita un’indagine che ha portato l’uomo alla sbarra e alla condanna, ieri, davanti al giudice del tribunale di Rovigo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl