you reporter

L'intervento

Gambato: “Si tutelino sia impresa che salute”

Il vicepresidente di Confindustria Venezia Rovigo interviene sul progetto di riconversione dell'ex Cercom nel cuore del Delta

Gambato: “Si tutelino sia impresa che salute”

E’ importante l’aspetto imprenditoriale ma lo è altrettanto quello della tutela del territorio e della salute dei cittadini: non si può sacrificare l’uno per l’altro”. Gian Michele Gambato, vicepresidente di Confindustria Venezia area metropolitana di Venezia e Rovigo, interviene sulla vicenda che sta interessando “a distanza” il Delta del Po Veneto: il progetto di recupero della ex Cercom, piastrellificio a Porto Garibaldi, nel comune di Comacchio, chiuso dal 2009 sul quale ci sono 40 milioni di euro di investimento da parte della Sacmi, cooperativa di Imola.

“Non conosco il tema e le sue dinamiche - prosegue Gambato - e quindi non mi permetto di dare alcun giudizio su quanto accade in casa d’altri, ogni attività ha una storia propria. Non si deve però accettare che in ogni posto possa nascere qualunque attività, ma è proprio per questo che la Conferenza dei servizi sono certo tutelerà sia la salute dei cittadini, che l’ambiente che l’attività degli imprenditori”.

L’area interessata è a nemmeno 20 chilometri in linea d’aria dal Parco del Delta del Po Veneto, nel pieno di quello emiliano romagnolo. Un investimento nell’ordine dei 40 milioni di euro che garantirebbe un centinaio di posti di lavoro. Per la realizzazione della pasta per ceramiche verranno utilizzati forni che scaricheranno i fumi attraverso 25 torri tra i 10 e i 35 metri di altezza, con un passaggio di camion che, una volta che la fabbrica lavorerà a pieno regime, sarà di circa 170 al giorno.

C’è sicuramente un problema di lavoro nel nostro territorio come in quelli limitrofi - riflette Gambato - ma per le tematiche ambientali ci deve essere la giusta sensibilità, specie quando si parla di polveri sottili. Lo abbiamo visto in molti casi anche in Veneto in molte circostanze”. “Personalmente - conclude Gambato - sono più favorevole a quelle attività industriali cosiddette ‘pulite’, che possono convivere in ogni realtà, anche perché ogni insediamento produttivo deve trovare il sito più adeguato dove crescere”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl