you reporter

Badia Polesine

Riforestazione per la golena di Boscovecchio

Saranno posate 300 piante donate da Carabinieri forestali, Arca di Noè vegetale e Wwf Rovigo

Riforestazione per la golena di Boscovecchio

"Volontari cercasi” alla golena di Boscovecchio, dove sabato 16 febbraio andrà in onda il Progetto Schiribilla 40.0, un significativo intervento di riforestazione. Ben 300 sono le piante che si andranno a posare, tra le quali ci sono salice, olmo, frassino, quercia, pioppo cipressino e piante da frutto, donate dai Carabinieri Forestali di Verona, dal vivaio “Arca di Noè vegetale” del Wwf Rovigo e da alcuni privati. Duplice lo scopo dell’intervento: quello di ripristinare lo scenario tipico delle campagne venete tra ’800 e ’900, e tutelare l’area protetta dalle direttive europee su habitat ed uccelli. “Il messaggio principale che si intende dare con questa azione ambientale - fanno sapere i promotori - è quello di contrastare la desertificazione del paesaggio agrario e di salvaguardare l’ambiente vegetale e la fauna che vivono al Boscovecchio”.

All’intervento è stato dato il nome Progetto Schiribilla 40.0 come richiamo all’importanza della tutela della fauna selvatica: la schiribilla è un piccolo uccello acquatico tuttora presente in Veneto, mentre il 40.0 sta per gli anni che hanno visto la scomparsa di molte specie dalla Regione. L’auspicio è che, grazie all’intervento, queste specie possano ora ritornare. Il progetto prevede la realizzazione di un viale di pioppo cipressino al centro della golena, mentre una carta topografica del ’700 farà da guida per riposizionare un filare di piante da fusto, rivolte verso la campagna del Boscovecchio.

Api ed uccelli potranno trovare nuova casa in una siepe che andrà a costituirsi per 800 metri, e ancora si riprodurrà la piantata veneta, antica pratica colturale, con la vite sostenuta dall’acero. Un boschetto di ontano nero, invece, è previsto per il 2020. Tanti i ringraziamenti che gli organizzatori intendono rivolgere alle amministrazioni di Badia e Masi, Carabinieri Forestali, Galm, Wwf Rovigo, Legambiente Adria e Legnago, Amici della Bici di Rovigo, Farmagricola Trivellato e Pro Loco di Badia Polesine, oltre che ai due volontari Antonio Chieregato e Corrado Carone, che si sono occupati rispettivamente della preparazione del terreno e delle misurazioni per la posa delle piante. L’invito a partecipare all’evento è rivolto a tutti, dato che sarà necessaria la presenza di numerose persone affinchè l’intervento venga completato. Gli organizzatori ricordano che non è consentito l’accesso alle auto nell’area, che però è facilmente raggiungibile da via Restara.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl