you reporter

prevenzione

West Nile, la prevenzione partirà in aprile

Quest'anno l'intenzione è intervenire in anticipo rispetto agli anni passati, anche perché il rischio d epidemie è alto.

West Nile, è allarme: un contagio a Rovigo e uno ad Adria

Coordinamento in capo alla Regione, monitoraggio continuo, interventi antilarvali a partire da aprile e adulticidi ove ne emerga le necessità, stretto coordinamento con le aziende Ulss e i Comuni.

Sono questi alcuni dei punti cardine della strategia individuata dalla Regione del Veneto per contrastare il fenomeno della diffusione di zanzare e del contagio umano dal virus west nile che, nella scorsa stagione estiva ha assunto dimensioni mai registrate prima.

Tutti gli interventi previsti prenderanno avvio ad aprile e proseguiranno fino ad ottobre. Il tutto è contenuto in una delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’Assessore alla Sanità Manuela Lanzarin.

“Di fronte a un fenomeno di entità imprevista e imprevedibile – dice la Lanzarin – l’anno scorso, primi in Italia, abbiamo reagito con tempestività e con un piano straordinario che ha messo in campo disinfestazioni urgenti e un finanziamento della Regione di oltre 500mila euro. Ora, alla luce di quell’esperienza, passiamo a una fase di programmazione a largo raggio, con una pianificazione in grado di rispondere in maniera più incisiva ed omogenea al problema e di evitare, ovunque possibile, il proliferare dei vettori della west nile". La regione contribuirà rifondendo ai comuni il 20% delle spese che saranno sostenute.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl