you reporter

Badia Polesine

Segantin: “Alberi guasti, taglio inevitabile”

L'assessore all'ambiente: “Non si poteva fare altrimenti: sono piante di 8 metri attaccate per 3-4 centimetri”

Segantin: “Alberi guasti, taglio inevitabile”

L’assessore all’Ambiente Stefano Segantin risponde alle critiche “social” della minoranza, scatenate dall’imminente abbattimento dei 26 tigli di via Diodato Massimo. A manifestare la “bocciatura” della scelta era stato, pochi giorni fa, il capogruppo di Adesso Badia Gianni Stroppa, che sulla propria pagina Facebook esprimeva la propria contrarietà all’intervento, dicendo che “una buona potatura era una scelta senz’altro migliore”

A pubblicare alcuni commenti al post pubblicato dall’esponente di minoranza era stato anche l’assessore all’Ambiente Segantin, il quale ribadiva la necessità di provvedere ad un intervento così radicale. Ora, a dibattito virtuale apparentemente concluso, Segantin torna a precisare alcuni aspetti. “Non si poteva fare altrimenti - spiega il titolare della delega all’Ambiente - sono piante alte circa 8 metri, attaccate al suolo solo per 3-4 centimetri, il resto invece è guasto. Mi pare che sia un grosso rischio lasciare questi alberi ai lati della strada, e non credo che un intervento di potatura potesse bastare: alla prossima ondata di maltempo, piante in queste condizioni sarebbero cadute. E la spesa per un abbattimento è molto più alta che per una potatura, per cui non è stata una scelta presa a cuor leggero”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl