you reporter

Rovigo

La busta paga del sindaco, che nessuno vuole fare

09/03/2019 - 19:22

Tanta, troppa responsabilità e una città in declino. A parte l’appassionato Ezio Conchi, che da vicesindaco nell’era Bergamin guadagnava 3.195,52 centesimi, non c’è a Rovigo la corsa a candidarsi sindaco. Eppure la carica è ben ripagata: si parla di 51.131,76 euro lordi all’anno, 4.260,98 euro al mese. Nonostante questo, nessuno lo vuole fare.

In totale il costo della politica sul bilancio di Palazzo Nodari pesa per 322.964,28 euro annuali.

Il presidente del consiglio Paolo Avezzù guadagnava 2.840,46 euro (34.085,52 annuali); il vicesindaco Andrea Bimbatti ha guadagnato in otto mesi da vicesindaco 25.564,16 euro lordi (3.195,52 lordi).

A queste somme vanno tolte le tasse e i contributi, ma sono senza dubbio onorevoli.

Nonostante questo, a sentire gli umori della piazza, molti snobbano la carica di primo cittadino del capoluogo polesano. Il gioco non sembra valere la candela.

Nei tre mesi e mezzo di reggenza del Commissario Nicola Izzo e dei due subcommissari, Antonello Roccoberton e Luigi Armogida, il bilancio potrà contare su un risparmio per i costi della politica pari a 68mila euro circa, al netto dei compensi dei tre reggenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl