you reporter

Carabinieri

Straniero morde i militari

Gambiano in manette, calmarlo è difficilissimo

Straniero morde i militari

Al momento dell’arresto, nella mattinata di lunedì 11 marzo, a Guarda Veneta, avrebbe aggredito i carabinieri, colpendoli a calci, ma anche mordendoli e sputando al loro indirizzo. Anche la convalida dell’arresto del giovane gambiano, però, è stata piuttosto movimentata. In particolare, i militari domandavano la possibilità di procedere con il prelievo di sangue coatto per verificare se l’arrestato avesse malattie trasmissibili in questa maniera.

Un accertamento che, però, la Procura non ha ritenuto praticabile. Si è a lungo pensato di dovere procedere con la profilassi per i militari, sino a quando la consulenza del reparto di Malattie infettive ha tranquillizzato tutti, ritenendo impossibile un contagio con quelle modalità. Lo stato di agitazione dell’arrestato, anche in Tribunale, ha poi reso necessario l’intervento del personale del Suem, per l’eventualità di procedere con la sedazione. Anche in questo caso, alla fine questa ipotesi è stata scartata. Dopo oltre due ore, infine, è stato possibile procedere alla convalida dell’arresto, con successivo rinvio dell’udienza per direttissima, che l’accusato attenderà in carcere.

L’arresto era scattato alla luce della violenta reazione che il 25enne avrebbe avuto alla perquisizione domiciliare, scattata perché viene ritenuto responsabile della rapina commessa a Pontecchio Polesine lo scorso 18 agosto. In quella occasione avrebbe aggredito una giovane nigeriana, sulla pista ciclabile di Pontecchio Polesine, portandole via il cellulare e provocandole lesioni per sei giorni complessivi. La videosorveglianza avrebbe consentito di addebitargli quella rapina.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl