Cerca

LA RASSEGNA

Settimana tra scienza e scoperta

Laboratori e sperimentazioni realizzate all’interno del Festival della cultura creativa

Settimana tra scienza e scoperta

Laboratori e sperimentazioni realizzate all’interno del Festival della cultura creativa

A palazzo Roverella, al planetario di Roverdicrè, alla biblioteca comunale e al museo Archeologico di Fratta tanti laboratori per conoscere il patrimonio culturale e sperimentare la scienza. Intesa Sanpaolo aderisce infatti alla sesta edizione del Festival della cultura creativa, iniziativa promossa e coordinata dall’Associazione bancaria italiana con l’intento di avvicinare alla cultura bambini e ragazzi, stimolandone la creatività e il pensiero critico.

Il tema conduttore di questa edizione è “Intelligenze-Tra evoluzioni naturali e tecnologiche, tra mente ed emozioni per conoscere noi stessi e il futuro che ci circonda”. 

Intesa Sanpaolo ha previsto, fino a domenica, laboratori didattici per conoscere il patrimonio culturale del territorio e sperimentare la scienza in collaborazione con diversi enti del rodigino.

Al museo Archeologico di Fratta si è cominciato ieri con “Attenti ai vetri”, in cui i ragazzi delle scuole hanno preparato il proprio kit di perle in materiale vetrificabile che con le opportune istruzioni potrà far vetrificare a casa nel forno domestico in tutta sicurezza, rendendo partecipi e coinvolgendo i genitori nella esperienza di sperimentazione fatta in museo.

Con “Dentro la scienza”, domani, il museo aprirà invece le porte alla “scienza junior” in una imperdibile occasione di conoscenza e sperimentazione.

Gli alunni saranno accompagnati in una breve visita, suscitando domande e curiosità; poi verranno presentati gli aspetti ed i filoni di ricerca scientifica, dalle più antiche modalità a quelle più innovative: telerilevamento, restauro, analisi al microscopio, ricostruzione animata e restituzione 3D. Successivamente in laboratorio la classe potrà toccare con mano i reperti archeologici originali osservando da vicino le caratteristiche ed applicando le tecniche scientifiche di analisi con microscopio. In una tabella verranno registrati, disegnati e classificati i diversi materiali di cui sono composti i reperti. Quindi si passerà alla sperimentazione di restauro di un modellino di reperto: recupero frammenti, ricerca attacchi e ricostruzione tramite bendaggio ed incollaggio (ArcheoPuzzle).

L’attività, rivolta alle scuole primarie del territorio, è in programma per domani alle 9.30 e alle 11. Per informazioni e prenotazioni: 329 4161935 - info@studiodarcheologia.it.

A palazzo Roverella, domenica sbarcherà il teatro dei burattini nell’ambito della mostra “Giostre: storie, immagini, giochi”. Mille e più sfaccettature caratterizzano i balocchi: oggi tocca alle anime di pezza, soggetti privilegiati del Teatro dei burattini. Curiosi personaggi attendono di prendere vita dalle mani di bambini e ragazzi che li decoreranno. Li attende uno splendido viaggio multisensoriale tra antichi dipinti e balocchi, suggestive melodie e fotografie, variopinti manifesti e particolari sorprese… ma non solo! Cavalcando l’onda del divertimento verranno accompagnati nel fantasioso mondo delle giostre. L’esperienza comincia con un pomeriggio al luna park della Mostra “Giostre: storie, immagini, giochi”. Un’accattivante visita nelle sale della mostra permetterà alle famiglie di avvicinarsi a tematiche, mai banali, capaci di scaldare i cuori di grandi e piccini. Dopo aver scoperto i tesori dello spettacolo popolare, l’antica arte del burattinaio rivivrà in un emozionante laboratorio creativo che coinvolgerà tutta la famiglia, attraverso il moderno linguaggio dello storytelling.

L’attività, rivolta a famiglie con bambini da 6 a 13 anni, è in programma domenica dalle 15.30 alle 17. Per informazioni e prenotazioni: 0425 460093, info@palazzoroverella.com.

Gran finale domenica al planetario civico di Roverdicrè, con l’evento “L’uomo sbarca sulla luna: correva l’anno 1969. Un viaggio a bordo dell’Apollo 11”. A cinquant’anni dallo sbarco sulla Luna dell’Apollo 11, si propone un pomeriggio all’insegna del ricordo, della conoscenza e della condivisione dello storico evento, adatto a tutte le famiglie con bambini ragazzi età 6/13 anni. Con le voci di Enzo Bellettato e Giorgio Cavallarin grandi e bambini saranno invitati a viaggiare nel tempo e nello spazio, tornando al lontano 1969 per rivivere gli attimi e le immagini che hanno segnato un’epoca. L’evento è in programma domenica alle 16; per informazioni e prenotazioni: planetario@astrofilipolesani.net - 391 4762163.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy